drammatico appello KAABA BOIA

SE poi, noi dobbiamo riconoscere giuridicamente la LEGA ARABA sharia senza reciprocità, poi, noi dobbiamo dichiarare che il genocidio è uno strumento legittimo per il diritto internazionale!
==================
CHI POTREBBE DIMOSTRARE CHE SI è TRATTATO DI UN FUOCO AMICO, SE GLI USA CIA NATO: SISTEMA MASSONICO, SALAFITI FARISEI BILDENBERG, proprio loro HANNO DIFFUSO LA GALASSIA JIHADISTA SAUDITA NEL MONDO? Falluja, raid Usa uccide soldati Iraq. Diversi soldati iracheni sarebbero rimasti uccisi in un raid Usa vicino a Falluja, in quello che e' il primo caso di 'fuoco amico'. Lo riferiscono i media Usa. no! è STATO UN OMICIDIO INTENZIONALE! ========================== ============= ========== ================ TUTTE MENZOGNE! AI RUSSI NON ACCADONO MAI QUESTI INCIDENTI! VOI AVETE PORTATO I JIHADISTI, I TURCHI LI HANNO FATTI PASSARE, E I SAUDITI HANNO CONFEZIONATO LE AUTOBOMBE! IN SIRIA ED IRAQ SNO SUFFICIENTI I RUSSI: USCITE TUTTI: MASSONI ASSASSINI! NEW YORK, 19 DIC - Un incidente "provocato da errori di entrambi". Così il capo del Pentagono, Ash Carter, commenta il raid Usa vicino a Falluja, in Iraq, che mirava a colpire obiettivi dell'Isis e nel quale sono morti almeno 9 soldati iracheni. Carter ha già parlato con il premier Haider al-Abadi per offrire il proprio cordoglio. "Dispiace a entrambi e ci sarà un'indagine, ma queste cose accadano quando si combatte fianco a fianco", ha detto Carter parlando dalla base militare di Kearsarge, nel Golfo Persico. ===================================== ============= ========== ================
 IO SONO UN SIONISTA BIBLICO ORGOGLIOSO! 1. PERCHé ESSERE SIONISTA è L'UNICA POSSIBILITà PER NON PORTARE A SATANA SPA FMI NWO, TUTTO IL GENERE UMANO! E 2. PERCHé, OGNI POPOLO DEVE AVERE LA SUA PATRIA: ECCO PERCHé, LA LEGA ARABA NON ESISTE, PERCHé LA LEGA ARABA COME UN PARASSITA ASSASSINO SERIALE, SI è INNESTATA CON IL SUO NAZISMO SHARIA, SUL GENOCIDIO che ha fatto a spese di tutti i POPOLI PRECEDENTI! Tre israeliani sono stati accoltellati a Raanana, una cittadina a nord di Tel Aviv. Lo dice la polizia secondo cui l'aggressore, un palestinese, è stato catturato. Delle vittime una sarebbe in gravi condizioni. ============= ========== ================ ============= ========== ================
è MOLTO GRAVE CHE LA TURCHIA, DOPO AVERE INVASO DI TERRORISTI LA SIRIA E L'IRAQ, PER ESSERE STATA LA RESPONSABILE POLITICA DI OGNI GENOCIDIO E PULIZIA ETNICA REALIZZATO IN QUESTE NAZIONI ORA PRETENDE, IN QUESTE NAZIONI, DI ENTRARE CON L'ESERCITO E DI BOMBARDARE CHI VUOLE. I TURCHI DEVONO ESSERE RESPINTI, LA SOVRANITà DI QUESTE NAZIONI DEVE ESSERE RISPETTATA! ho sentito questa notizia al TG, e come Europa possa pensare di associarsi ai delitti nazisti della TuRchia questo è qualcosa che mette i brividi! MA LA MINACCIA TURCA DEVE ESSERE AFFRONTATA ADEGUATAMENTE!
***************** ============= ========== ================
Erbil airport closure delays Christians leaving Iraq for EuropePublished: Dec. 7, 2015 Fr Douglas reveals news that a flight taking displaced Christians from Iraq to Slovakia is delayed, Dec 2015World Watch Monitor We know that some Eastern European countries have been specifying that they are happy to take Christians direct from Iraqi IDP camps, and months of work had started to identify and move some of them out to a new life in Europe. But now, the closure of all airports in northern Iraq because of anticipated air attacks on Islamic State has left 150 already-displaced Christians temporarily stranded in the Kurdish capital, Erbil. The group had all been selected to have flown to Slovakia today, direct from their camp, but officials told them to expect a delay of 48 hours. Yesterday the group attended a farewell service held in Mar Elia church in Ankawa, the Christian neighbourhood of Erbil. Over the past 15 months the whole Christian community in the church compound has bonded strongly. Many of them have been living in a makeshift camp in the church’s garden after they, and thousands of others, fled cities now under Islamic State control. The Mar Elia leaders tried to accommodate as many of them as possible after they left Mosul, Karamlesh, Qarakosh and other villages on the Nineveh plain. The group have had a common experience of hardship after arriving at the camp – first living in different types of tents, then container-like shelters; bearing the same hot summers and cold winters, and all in a small church garden, with limited personal space. Saying goodbye at a celebration dinner after the church service was a time for mixed feelings. Ramy, 22, said: “It’s difficult for me to smile any more, but I want to, because I believe in goodbyes with a smile instead of with tears.” However, the celebrations at the church were interrupted with bad news. At 8:30pm Father Douglas, the leader of Mar Elia church, was told about the 48-hour closure of Erbil and other airports in northern Iraq. The precise reasons for closure weren’t given but Fr Douglas believes that potential air attacks on Islamic State were to blame: “Russia is said to be sending missiles to several targets and therefore the airspace needs to be ‘free’. My people are a little bit disappointed, but they have been waiting for 15 months already and so two days does not make much difference”. Nisan Hekmat is one of the Christians who was about to travel to Slovakia with his family. “They told me that travel is delayed for 48 hours. In Iraq this is not unusual. In other countries it may be different but here it’s ‘normal’ to hear good news and bad news all at the same time. “It is difficult for us all. Friends and family came to say goodbye and now the journey has been put on hold. We have everything packed and we’ve given away things (that we can’t take with us) like rice and oil that other families will need.” Hekmat and his family are resigned to spending a few more days in Erbil. Fr Douglas hopes the 48-hour closure will not be extended and the families will soon be able to start a new life. “My people want to have a future. I’m not trying to give them a future, but I am trying to provide a path for them to have a future. No one is forced to leave, no one is forced to stay. It is a personal decision.” Iraq’s Civil Aviation Authority has given no update to Sunday evening’s notice about “possible missile movement throughout the airspace of northern Iraq”. ============= ========== ================
The group heading to Slovakia hear news about the delays Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ 3 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============
Three killed outside 'Christian' radio station in Mali Published: Dec. 18, 2015 Three men were killed when an unidentified gunman opened fire outside a Christian radio station in ...5 years on: what has the Arab Spring meant for Christians? Published: Dec. 17, 2015 The Arab Spring, which began five years ago today (17th December) started with a wave of protests in ... North Korea gives life sentence to Canadian pastor Published: Dec. 17, 2015 Hyeun-soo Lim, the Korean Canadian pastor detained in North Korea since February, was yesterday ... Egyptian brothers add to tally of Christians killed in Libya Published: Dec. 16, 2015 After Aung San Suu Kyi's election win, Myanmar's displaced Kachin are hopeful they can go home for Christmas Published: Dec. 16, 2015 18 Chibok parents have died as wait for girls goes on Published: Dec. 15, 2015Erbil airport closure delays Christians leaving Iraq for Europe Published: Dec. 7, 2015 Indian nationalists blame other faiths as census shows Hindus in decline Published: Dec. 7, 2015 Woman who survived 5 weeks in Boko Haram camp speaks for first time Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ 3 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============
Christian women in Baghdad face intimidation to veilPublished: Dec. 18, 2015 The offensive poster is aimed squarely at Christian womenThe few Christians still holding out in Baghdad have found themselves at the receiving end of another barrage of intimidation. Posters appeared on the morning of 13 Dec. - a Sunday - near Christian places of worship with a message to Christian women to cover up, the London-based online news Al-Araby al-Jadeed said. The Qatari-owned media, which says it aims to counter sectarian narratives, reported the messages were the work of the government-sanctioned “People’s Mobilisation” Shiite militias. Posters of a veiled Virgin Mary appeared around the mainly Shia neighbourhoods of Karada, Kadhimiya, Zayouna and Ghadir - in areas where Christians still form a noticeable minority. Addressed to “honourable Christian” women, they said “The Virgin Mary was veiled, for such has been the way of the prophets” and included a call to “pause and think deeply.” Their version of the Madonna’s iconic picture, included, however, an extra wrapping of cloth to cover from the chin down, in line with the Shia dress code. Patriarch Sako notes the trend of growing enroachments on freedomsWorld Watch MonitorThey read “The way (of the hijab) emanates from one “common divine source”, “one Lord who is Allah Almighty above all” (both Muslims and Christians). Satan dislikes [this way]”….“You have to follow the Virgin’s example, so why don’t you wear the hijab?” Posters had also appeared in some areas of the city in November, Catholic Fides News added. Al-Hashd Al-Shaabi, ‘People’s Mobilisation’, is a paramilitary umbrella under which various religious Shiite factions operate. The Hashd (‘mobilisation’) was formed by the Iraqi government in June 2014 as a counter-jihad to defend Baghdad, following the fall of Mosul to the Sunni jihadist “Islamic State,” or IS. “People, probably Shiite militias, pasted images of the Virgin on the homes of Christian families," Louis Sako Raphael, Head of the Chaldean Catholic church, said 15 Dec. Quoting eyewitnesses, Al-Araby al Jadeed claimed un-specified Shiite clerics were behind the offensive, which Christians have, not surprisingly, found to lack ‘charm’. “When you find those posters put up by militiamen right at your doorstep and next to your place of worship, it only means one thing: ‘You’d better obey, or else!’” said Hanna Sliwah, a 47-year-old Iraqi Christian. “To again see their freedom to dress thus threatened is very worrying for Christians, let alone for the larger Iraqi society,” French newspaper Le Figaro quoted Sako as saying. The Chaldean Catholic Patriarch cited other examples of intimidation, such as the recent proposed legislation to ban the sale of alcohol throughout the country. In November, the Iraqi Parliament passed a resolution forcing non-Muslim children to become Muslims if their father converts to Islam, or if their non-Muslim mother marries a Muslim. A call for ‘amendment’ was only heeded after Christian protests. Throughout some of the Sunni-dominated areas of Iraq, Christians have had to escape with the clothes on their backs, including in places where, historically, Christianity predominated. In 2014, IS overran Mosul, Iraq’s second largest city, and the surrounding Ninevah Plains to the north. So far, Christians have fared, by a limited margin, relatively better in Shia-majority areas of Iraq. “Apparently, we have no place here, either” said Sliwah, pointing out that similar messages were displayed around Baghdad government offices. Maria al-Chaldeani confirmed this soft-touch intimidation: “I was going about my business, issuing papers from a Baghdad government office. There, right at the entrance to the office stood a large poster of Christ, with the message underneath: ‘Cover up, my children!’ ” She said the instruction, like others, left little in the way of a choice. Isolated Incidents? Iraqi Christian MP Joseph Sliwa dismissed the issue as an “isolated” incident. “Some posters appeared here or there. They were promptly taken down after the matter was taken up with the authorities,” he told World Watch Monitor. Sliwa said it is ‘unthinkable’ the government, or the People’s Mobilisation, or even Shia clerics, could or should, be behind such incidents. Yet he acknowledged that issues abound. He said Christian women had been pressured to present hijab’ed photos to obtain passports. “Christian girls cannot go out to work, study, or even venture out in the streets without hijabs in cities across the (Shiite) south, such as Basra and Babel,”, though Seliwah said this was due to social, not official, pressure. Two-thirds of Iraq’s Christian population fled the country during the chaos that followed the US-led invasion. From around 1,500,000, or above 6% in 2003, current estimates are that barely 0.8% still remain in Iraq. In June 2015, a member of Baghdad municipal council claimed that nearly 70% of Christian-owned homes in Baghdad were illegally seized during the chaos post-2003. In an interview with Iraqi TV station Al-Mada, Mohammed al-Rubai said: “These houses belonged to Christians who fled from Baghdad, seeking refuge from violent attacks targeting them and their homes. The title deed documents have been falsified and the new title deeds have been lodged with the real estate registry. Many properties had been given illegally to other Iraqi citizens.” The result, he said, was that “it is possible that both parties [the original and new owners] can possess legally registered title deeds to the same property”. According to the NGO Baghdad Beituna [Baghdad Our Home], there have been more than 7,000 violations against properties belonging to Iraqi Christians in Baghdad since 2003. Saad Jassim, the group’s director, said in June too: “Most of the Christians who left Iraq for Europe had their homes stolen. Since then, their ownership was transferred, and the homes are now occupied by militia commanders and politicians in or close to power.” Christians have also repeatedly suffered kidnappings as well. For instance, October 2010 saw 58 people, including 41 hostages and priests, killed after an attack on a Catholic church in Baghdad. Long before the current IS came to gain such notoriety, Iraq's indigenous Christians were declared a “legitimate target”. In November 2010, a series of bombings and mortar attacks targeted Christian-majority areas in the capital. Since 2003, church bombings and other attacks by both Sunni militants and Tehran-backed Shia militias have found their way to the international headlines with more frequency. Out of a list of 50 countries where Christians find themselves most pressured, Open Doors’ World Watch List places Iraq as number 3 .
Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================ Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ 4 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================
CI SONO ANCHE I SOLDI PER L'ELMETTO PRAVY SECTOR DELLA MERKEL? [ USA aumentano stanziamenti per aiuti all’Ucraina ] CHE ORA HA IL DOVERE DI FARE VEDERE CHE I SOLDI SONO STATI SPESI BENE! [ 19.12.2015 ] La legge finanziaria degli USA per il 2016, firmata dal presidente Obama, prevede un notevole aumento delle spese. Gli aiuti all'Ucraina sono stati aumentati fino a 658,1 milioni di dollari. L'ambasciata ucraina negli Stati Uniti informa che con questa cifra si potranno finanziare in particolare le forniture a Kiev di armi letali per la difesa. La legge finanziaria, che prevede la spesa complessiva di 1,1 trilioni di dollari, è stata firmata dal presidente Barack Obama dopo l'approvazione di entrambe le camere del Congresso USA. "Il 18 dicembre 2015 il Congresso USA ha approvato, e il presidente Obama ha firmato, la Legge Consolidata sugli stanziamenti di bilancio che aumenta notevolmente il tetto degli aiuti all'Ucraina. In particolare, gli stanziamenti al Dipartimento di Stato per gli aiuti all'Ucraina nell'anno finanziario 2016 ammonteranno ad almeno 658 milioni 185 mila dollari — 145 milioni di dollari in più rispetto a quanto chiesto inzialmente", — dice il comunicato: http://it.sputniknews.com/mondo/20151219/1758444/USA-bilancio-aiuti.html#ixzz3umjeDlSH
Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================ Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ 4 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================
Putin: per le sanzioni non faremo il muso. ] chi ha convinto Putin che il serio interesse della NATO non è distruggere il terrorismo da loro creato, ma distruggere la RUSSIA è il vero obiettivo? [ 19.12.2015. L’interesse dei paesi dell’Unione Europea è quello di congiungere gli sforzi nell’economia, nella politica e nella lotta al terrore, ha dichiarato Vladimir Putin nell’intervista per il nuovo documentario di Vladimir Solovyov “L’ordine mondiale”. La Russia è aperta e pronta a cooperare con i paesi europei nell'economia, nella politica e nella lotta al terrorismo, ha dichiarato il presidente Putin: http://it.sputniknews.com/mondo/20151219/1758370/Putin-sanzioni-Europa.html#ixzz3umiUzEkH
Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================ Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ 4 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================
Turchia non prende sul serio le parole di Putin. 19.12.2015, In precedenza il presidente Putin dichiarava che la Turchia sta guadagnando con il petrolio rubato, e si è detto sbalordito dal modo in cui la Turchia si è comportata dopo l’abbattimento del jet russo. Il primo ministro della Turchia Ahmet Davutoglu ha dichiarato che non prende sul serio le recenti parole "non diplomatiche e offensive" del presidente Putin, riferisce il quotidiano Hürriyet Daily News. Secondo Davutoglu, le parole di Putin non corrispondono alle realtà del mondo contemporaneo e allo spirito delle relazioni russo-turche. "Non lo possiamo prendere sul serio", — ha detto il premier di Ankara. Putin ha dichiarato che Turchia sta guadagnando con il petrolio rubato, come dimostrato con relative prove del ministero della Difesa della Russia, e si è detto sbalordito dal modo in cui Ankara si è comportata dopo l'abbattimento dell'aereo russo. "Quello di cui siamo indignati in modo particolare: se fosse stato davvero un incidente, come dichiarato in seguito — le autorità turche dicono che non sapevano che l'aereo era russo — anche se così fosse, che cosa si usa fare in questi casi? Delle persone sono morte! Allora si prende subito il telefono per spiegare tutto. Invece loro sono corsi subito a Bruxelles, gridando allarme: siamo maltrattati! Ma chi vi ha maltrattati? Abbiamo forse fatto qualcosa a qualcuno? No! Eppure hanno cominciato a coprirsi con la NATO. Ma alla NATO serve? Come pare adesso, non serve", — ha detto Putin durante la sua grande conferenza stampa del 17 dicembre: http://it.sputniknews.com/mondo/20151219/1758295/Putin-Turchia-dichiarazioni.html#ixzz3umhbFOIo
Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================ Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus4 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================ Europa e Turchia chiudono il cielo agli aerei della Russia: CHE COMBATTE IL LORO TERRORISMO ISLAMICO MECCA KAABA SHARIA Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================ Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ 4 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================
Europa e Turchia chiudono il cielo agli aerei della Russia: Ministry of defence of the Russian Federation 19.12.2015. I piloti russi che partecipano alle operazioni contro i terroristi in Siria hanno dovuto organizzare una rotta che aggira l’Europa, perché i paesi europei hanno chiuso il loro cielo agli aerei della Russia, ha comunicato il ministero della Difesa. "Quella di Olenegorsk è la nostra base aerea più a Nord, il che permette di estendere il raggio d'azione e di effettuare il rifornimento in volo. C'erano determinate circostanze che escludevano altre varianti. L'Europa non ci faceva entrare e neanche la Turchia", — ha detto il generale Anatoly Konovalov, vice comandante dell'aviazione strategica della Russia. Il generale ha aggiunto che persino in queste condizoni l'aviazione strategica ha dimostrato di essere in grado di assolvere ai compiti che le vengono affidati: http://it.sputniknews.com/politica/20151219/1758049/Europa-cielo-chiusura.html#ixzz3umgLcxMo
Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================ Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ 4 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================
Riassunto della maxi conferenza di stampa di Putin. 19.12.2015( L’undicesima maxi conferenza stampa di fine anno del Presidente russo Vladimir Putin ha registrato un nuovo record – all’evento hanno partecipato oltre 1,400 giornalisti accreditati tra russi e stranieri. Tra gli argomenti affrontati hanno dominato i temi caldi come la crisi siriana, i rapporti con la Turchia, gli Stati Uniti e l'Ucraina. Orietta Moscatelli, caporedattore esteri presso agenzia Askanews ha fatto per il Sputnik-Italia ha riassunto l'incontro di Putin con i rappresentanti di media federali e mondiali. — Che impressione ha avuto dalla conferenza stampa di questo anno? Come è stata diversa dagli altri incontri con i giornalisti in questo formato? Президент России Владимир Путин на одиннадцатой большой ежегодной пресс-конференции в Центре международной торговли на Красной Пресне. Siria, Turchia, Crisi economia e tutto il resto, le risposte di Putin — C'è stata la conferma che Putin ormai è navigatissimo in termini di gestione del rapporto mediatico e nel confronto con grande pubblico. Questo si vede molto bene anche nei dettagli, ad esempio quando Putin ha dato la parola ai giornalisti turchi — è un gesto che vuole essere di dialogo diretto nel momento in cui tra i vertici di due paesi ci sono delle chiare tensioni. Presidente russo anche sa alternare dei toni strappando una risata al pubblico e poi passare invece agli accenti molto più seri anche gravi quando si parla di Turchia. Più che una novità nella rappresentazione generale, direi, che c'è stato un chiaro affidamento ai giornalisti. A mio avviso, Putin stia attraversando una fase in cui gli piacere interloquire con il grande pubblico, si sente a suo aggio, sente di aver ritrovato per il suo paese un posto degno di nota sulla scena internazionale. — Come abbiamo visto, sull'abbattuto jet russo Putin ha mostrato un braccio di ferro dicendo ancora una volta che Ankara aveva compiuto deliberatamente "un atto ostile", ipotizzando che forse la Turchia ha desiderato ingraziarsi gli Usa. Quali conseguenze potrebbe avere questa forte dichiarazione su i già peggiorati rapporti tra la Turchia e la Russia? — Dir la verità io ho avuto un po' l'impressione che, benchè un commento su un altro paese articolato su vari punti e un commento che riguarda la politica estera russa, a me sembrato che Putin ne abbia parlato in funzione interna, abbia lanciato dei messaggi che sono molto più rivolti ai russi che ai turchi e agli stessi americani. Ci sono chiaramente gli entrambi aspetti, perché quando Putin dice che i turchi volevano cosi compiacere gli Stati Uniti, sta dicendo agli Stati Uniti: guardate che la Turchia non è un alleato cosi affidabile come non è affatto affidabile ai nostri occhi nel rapporto con la Russia. Da aggiungere che questo discorso è stato ripreso dai media internazionali dalla seconda battuta perché all'inizio non era pure chiarissimo cosa volesse dire. Il presidente Putin durante la conferenza stampa di fine anno di fronte alla folta platea di giornalisti — Putin ha affrontato naturalmente anche la questione ucraina. Il presidente ha affermato che non ci sono truppe russe in Ucraina, aggiungendo che Mosca porterà avanti il dialogo e lo scambio di prigionieri in condizioni di parità e ha sottolineato che Kiev non vuole rispettare gli accordi di Minsk. Come leggi queste parole del presidente russo? — Le leggo come un ribadire la posizione russa in un momento in cui di Ucraina in Occidente si parla poco, se non per parlare di sanzioni antirusse. Per questo il momento è estremamente importante perché a Bruxelles la questione ucraina ormai si stata affrontata in questi giorni e l'Ue si declina in prolungare le sanzioni alla Russia. Putin ha ribadito che è vero che gli accordi di Minsk vanno rispettati, ma questo lo devono fare tutti e che da parte di Ucraina quantomeno dei grossi ritardi. Usando termini "ritardi" Putin ha cosi puntualizzato su tutto quello che non è stato fatto da parte ucraina. Su questo tema se ne occupa quotidianamente ministro degli esteri Lavrov, però durante la conferenza stampa Putin è entrato in campo con tonno un po' più duro, parlando addirittura di sterminio della popolazione russofona nel sudest di Ucraina. In generale, anche se qui il presidente ha usato dei tonni di poco compromesso, Putin, a mio avviso, sia è mostrato piuttosto dialogante e aperto anche riguardo la collaborazione con questa nuova alianza antiterrorismo guidata dall'Arabia Saudita. — Durante l'incontro con i giornalisti Putin ha dichiarato il suo appoggio all'iniziativa degli Stati Uniti per una risoluzione delle Nazione Unite in Siria che punta ad aumentare le sanzioni contro l'Isis e a tagliare i suoi flussi di finanziamento. Si può quindi sperare per la risoluzione della crisi siriana a livello politico e che la Russia e gli Stati Uniti alla fine faranno parte della stessa coalizione antiterroristica? Putin istituisce commissione speciale per contrastare i finanziamenti al terrorismo — No so se potrà arrivare ad una coalizione formalmente unita. In formato europeo questa coalizione non è stata ufficializzata ma de facto esiste già. Il fatto che il presidente francese Hollande all'indomani degli attaci a Parigi è andato a Mosca, indica che in Europa esiste la necessità di coordinarsi con la Russia, cioè non farsi la guerra dentro la guerra è molto evidente. Io credo che agli Stati Uniti questo sia altrettanto evidente però un po' più difficile da gestire. E' la stessa sensazione probabilmente ha anche Putin. Ho avuto l'impressione che il presidente sta un po' preparando l'opinione pubblica russa a un riavvicinamento o quantomeno a un ritorno di una possibile anche se non ufficiale cooperazione con gli Stati Uniti su certi argomenti: http://it.sputniknews.com/opinioni/20151219/1758153/putin-conferenza-stampa-annuale-moscatelli.html#ixzz3umfYZbL3
Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================ Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ 4 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================ Putin allo scontro aperto con Ankara, 'Ora la Turchia provi a volare sulla Siria'. E l'affondo, 'abbattendo un jet russo, forse volevano fare cosa gradita agli Usa' Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================ Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ UniusRei Dominus HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================
VIETNAM LA BESTIA! 17/12/2015 VIETNAM Nguyen Van Dai, avvocato cristiano, arrestato per “propaganda contro lo Stato” Circa 20 agenti di polizia hanno fatto irruzione nella casa del dissidente e lo hanno arrestato mentre si recava ad un incontro sui diritti umani con membri dell’Unione Europea. I poliziotti hanno confiscato computer e simboli cristiani in cerca di prove. Già imprigionato dal 2007 al 2011, Nguyen Van Dai era stato uno dei primi firmatari della petizione che chiedeva la fine del partito unico in Vietnam. Rischia fino a 20 anni di reclusione. Hanoi (AsiaNews/Agenzie) – L’avvocato dissidente Nguyen Van Dai è stato arrestato ieri ad Hanoi con l’accusa di “propaganda contro lo Stato”. L’uomo, di fede cristiana, aveva già scontato una pena di quattro anni per lo stesso capo d’imputazione. Dai era stato aggredito e picchiato una settimana fa da uomini mascherati per aver tenuto lezioni pubbliche sui diritti umani. L’avvocato, 46 anni, è stato preso in custodia da almeno 20 agenti mentre si recava ad un appuntamento con rappresentanti dell’Unione Europea che, il giorno prima, avevano avuto un incontro bilaterale con le autorità vietnamite sui temi dei diritti umani. Secondo la testimonianza fornita dalla moglie Khanh, i poliziotti hanno fatto irruzione nella loro abitazione verso le 8.30 del mattino e, in cerca di prove, hanno confiscato due computer portatili, uno fisso, alcune chiavette Usb, una fotocamera e due videocamere, un quaderno della contabilità domestica e “tutto ciò che avesse un logo dei diritti umani”. “Hanno arrestato mio marito per l’Articolo 88 – afferma la donna – e ci hanno informato che lo terranno per almeno quatto mesi nella prigione B14 [di Hanoi]”. Gli agenti “considerano qualsiasi cosa nella mia casa una prova della sua ‘posizione anti-governativa’”, dice Khanh, aggiungendo alla lista degli oggetti requisiti anche “una maglietta con scritto ‘Oggi Hong Kong, domani il Vietnam’ e tutte le nostre lezioni sulla società civile realizzate dall’ambasciata degli Stati Uniti”. Le autorità hanno portato via anche ogni simbolo cristiano che hanno trovato: “Crediamo in Gesù – afferma la moglie – e ho spiegato loro che è la nostra religione…ma essi hanno ignorato le mie parole”. Nel 2006 Nguyen Van Dai ha fondato il Comitato dissidente per i Diritti umani in Vietnam, ora chiamato Vietnam Human Rights Centre. L’avvocato è uno dei primi firmatari della petizione online per la libertà e la democrazia del 2013 che (sostenuta dalla Chiesa cattolica) chiedeva la fine del partito unico in Vietnam. Tra il 2007 e il 2011 Nguyen Van Dai era stato incarcerato con l’accusa di “propaganda contro lo Stato”. Da allora, la sua licenza di avvocato è stata revocata. L’Articolo 88 del codice penale prevede dai tre ai 20 anni di carcere. Secondo il movimento attivista internazionale Human Rights Watch (Hrw) al momento vi sono fra i 150 e i 200 blogger e attivisti rinchiusi nelle carceri vietnamite, con la sola colpa di aver voluto esercitare (e difendere) diritti umani fondamentali. 27/05/2015 VIETNAM Torna libero e promette nuove battaglie blogger vietnamita pro diritti umani 25/08/2015 VIETNAM Appena scarcerato, blogger vietnamita riapre il sito web di denuncia degli abusi governativi 22/01/2013 CINA Per il Capodanno cinese “scrivete a Gao Zhisheng, in prigione per la giustizia” 19/08/2009 CINA Il noto avvocato attivista Xu Zhiyong in carcere per “evasione fiscale” 02/01/2007 CINA La moglie di un dissidente mongolo chiede al mondo di non dimenticarlo LA BESTIA HA FATTO L'ERRORE DI LEGGERE QUALCUNO DEI MIEI COMMENTI ED è CADUTO IN DEPRESSONE! 19 DIC - Il presidente statunitense Barack Obama è alle Hawaii per trascorrere le vacanze di Natale nello Stato che gli diede i natali. Il presidente, nelle prime ore di oggi, è atterrato alla base aerea Pearl Harbor-Hickam dell'arcipelago a bordo dell'Air Force One. Obama conta di trascorrere due settimane sull'isola di Oahu tornando alla Casa Bianca a inizio gennaio per affrontare il suo ultimo anno in carica.
revenge Yitzhak Kaduri ============= ========== ================ revenge Yitzhak Kaduri 4 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================
RARAMENTE ANSA DESCRIVE LA IDENTITà CRISTIANA O SCIITA DELLA VITTIME! 19 DIC - Ci sarebbero "diversi morti" nell'esplosione avvenuta oggi nel centro di Mogadiscio in Somalia. Lo riporta la Bbc online citando testimoni. Altre fonti parlano di "almeno tre persone rimaste uccise". Quello di oggi è il primo attentato nella capitale somala dopo quello del 1/11 scorso quando gli shabaab tornarono all'attacco contro un hotel causando 15 morti e una decina di feriti.
revenge Yitzhak Kaduri ============= ========== ================ revenge Yitzhak Kaduri 5 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================
si, Putin ha ragione di incazzarsi, ma lui Ahmet Davutoglu, lui sorride sui cadaveri ammazzati DA LUI STESSO: SUL SUO TERRORISMO INTERNAZIONALE, e sul petrolio comprato dall'ISIS sharia! ] E TUTTO IL GENOCIDIO SIRIANO ED IRACHENO? CHE è TUTTA COLPA SUA! PRESTO PIANGERà E MORIRà DI TERRORE! [ 19 DIC - Il governo turco "non prende sul serio" le dure prese di posizione di Vladimir Putin e quindi non risponderà ai commenti "insultanti e non diplomatici" del presidente russo con lo stesso tono. Lo ha detto il premier turco Ahmet Davutoglu aggiungendo che forse Putin "si ricorda dei suoi trascorsi nel Kgb, ma il Kgb è finito da tempo e la propaganda in stile sovietico appartiene alla storia"."Invece di rispondergli con lo stesso tono, sorrido", ha detto ancora.
revenge Yitzhak Kaduri ============= ========== ================ revenge Yitzhak Kaduri 5 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================
IL TALMUD è 100 VOLTE PEGGIORE del Mein Kampf, ED ENTRAMBI SONO SOLTANTO DUE LIBRI brutti e cattivi, che sono uno scherzo di fronte al satanismo esoterico soprannaturale della Kabbalah! ] [ Germania, insegnanti favorevoli al Mein Kampf, Il manifesto del Fuehrer nelle lezioni per le scuole superiori
revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 5 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ============= ========== ================ Islam spread KAABA coercion SHARIA satana ============= ========== ================ revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 5 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============
SHARIA è TUTTO UN FEMMINICIDIO KAABA MECCA, il totale abbrutimento della dignità della donna! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 5 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ KAABA MECCA SHARIA è LA ierodula del NWO revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 5 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============
Dhimmitude in all muslims country Arab LEAGUE ONU OCI, CIA NATO, is only an total Islamic Slaughterhouses Christians
revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 5 HALLELUIAH JHWH
============ =================== ============
Benjamin Netanyahu: Perché tu dici: "mai più un altro Olocausto MECCA KAABA?" Non ho mai pensato che tu, brutta troia, tu avresti mai potuto essere un cristiano armeno bizantino, curdo, iracheno, yazidi, kosovaro serbo, nigeriano, siriano, ecc.. ecc.. NO, NULLA DI TUTTO QUESTO! tu sei soltanto una bestia di Rothschild, tu sei soltanto, un sepolcro imbellettato! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 5 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ Benjamin Netanyahu: TUTTE LE VITTIME INNOCENTI DELL'ISLAM, TUTTI I MARTIRI CRISTIANI e ISRAELINI UCCISI IN QUESTI ULTIMI 5 ANNI? TU e i tuoi complici massoni, voi NE dovrete RISPONDERE! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 6 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ Benjamin Netanyahu: quando ammazzerai tutti i MECCA Kaaba SHARIA? ti pentirai per non averli uccisi tutti il giorno prima! PENSA A COME POTRAI PENTIRTI ALL'INFERNO, PER NON AVERLI UCCISI TUTTI 5 ANNI FA, QUANDO IO TI HO CHIESTO DI FARLO! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 6 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ KAABA è ONU talmud SpA NWO FMI, e questo è un contratto reciproco segretissimo: MECCA sharia Palestina hamas, per fare il genocidio a tutti i cani infedeli israeliani dhimmi schiavi goym senza genealogia materna: perché, Allah è Gufo akbar Rothschild sharia? lui è senza genealogia paterna!!! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 6 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ THIS IS MY EXCOMUNICATIO [ vs ] KAABA Rothschild masonic system MECCA revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 6 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ Pietra nera mecca, IN kaaba mecca? è SOLTANTO UNA VAGINA CHE STA PARTORENDO UN BAMBINO SATANICO ASSASSINO maomettano nazista ignorante fanatico dogmatico religioso! ISLAM è soltanto un genocidio contro il genere umano! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 6 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ MECCA maçonnerie kaaba fraternel SATANA revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 6 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ Benjamin Netanyahu: grazie fratello mio, MA, NON INSISTERE ULTERIORMENTE CIRCA QUESTA MIA CANDIDATURA ALLA GUIDA DI ONU! e poi, lo hanno già detto: i massoni vogliono una donna, io credo che Federica Mogherini sia la donna giusta, perché, lei impara a memoria tutte le pagine che BILDENBERG scrive per lei! Quanto a me, lo sanno tutti che, io ho una memoria molto scadente! Al massimo io posso parlare a braccio come fa Donald TRUMP revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 7 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ Farisei Illuminati SpA FMI, in MECCA sharia kaaba, tutti i giorni adorano e invocano il loro Lucifero Gufo Baal revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 7 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ GOOGLE 666 YOUTUBE A.I. BIOLOGIA SINTETICA ] si! QUEL rottoinculo del tuo alieno? ha tolto l'apice: quasi immediatamente! MA IO HO SEMPRE DUE FOTO PER DIMOSTRARLO! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 7 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ MECCA anticristo kaaba revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 7 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ GOOGLE BLOGGER ] cosa è questo apice che compare in alto sul cursore, nella barra del titolo del post? io ho fatto due foto di questo insolito filtro contro di me! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 7 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ Benjamin Netanyahu: grazie fratello mio, per avere pensato di dare a me la guida di ONU, ma, se, io non sono riuscito a diventare il Re di ISRAELE, in questo 8 anni, che questa è una cosa facile facile, non è realistico pensare che chiamino proprio me alla guida di ONU! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 7 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ TUTTO IL NWO MENTE SPUDORATAMENTE, QUANDO SI TRATTA di fare: IDEOLOGIA GENDER, perché, allora, non si serve di un TRANSESSUALE per guidare ONU? Allora, loro usano gli omossessuali soltanto per fare del male a noi! MENTRE AL CONTRARIO, IO CREDO SINCERAMENTE, CHE SOLTANTO UN GAY: A QUESTO PUNTO: PUò SALVARE DALLA ESTINZIONE tutti i CRISTIANI NEL MONDO SHARIA BESTIA MAOMETTO MECCA kaaba CALIFFATO TROIA! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 8 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ PERCHé NON USANO NEBULIZZATORI DI ACQUA SULLE LORO CIMINIERE? COSì MOLTO PARTICOLATO PRECIPITERà SUBITO TRASCINATO A TERRA DALLE GOCCIOLINE DI ACQUA! Pechino lancia nuovo allarme per smog, teme 'apocalisse'. Visibilità a meno di un chilometro revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 8 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ONU è UN ISLAMICO OMOFOBO: è PERCHé: NON ELEGGERE UN GENDER, DRAG QEEN, lgbt, GAY LOBBY? non lo dico ironicamente! IO PENSO CHE VENDOLA NIKY; SIA IL CANDIDATO MIGLIORE: IN ASSOLUTO! Onu, al via corsa per dopo Ban: 'Ora una donna' Invito a candidati a farsi avanti, selezione inizia entro luglio revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 8 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ E PERCHé GLI USA SBAGLIANO SEMPRE, ED I RUSSI NON SBAGLIANO MAI? Falluja, raid Usa uccide soldati Iraq. Diversi soldati iracheni sarebbero rimasti uccisi in un raid Usa vicino a Falluja, in quello che e' il primo caso di 'fuoco amico'. Lo riferiscono i media Usa. revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 8 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ kaaba miliardi MECCA terroristi GAZA?! ... come non è vero? chi può vedere i soldi come girano nel FMI SpA, loro fanno fallire e fanno risorgere le Nazioni a loro arbitrio e discrezione! NON è MAI ESISTITO UN CONTROLLO DI BILANCIO SUL FMI! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 8 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ è tutto normale: "Mecca kaaba Sharia" è soltanto, un ennesimo Erdogan genocidio Curdi revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 8 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ "Mecca TEOLOGIA ISLAMICA sharia? è TUTTa UNA TEOLOGIA SOSTITUTIVA di GENOCIDIO kaaba", e me lo ha detto, adesso, proprio Maometto: "Satana terrorizzato da te? mi ha mandato a confessare tutti i miei peccati!" revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 8 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ this is agenda OBAMA TALMUD GENDER GOYIM SpA ] VOI Pregate IDOLO MECCA A Gerusalemme kaaba: perché ISRAELIANI? loro SONO ANDATI A TROVARE I CURDI E GLI ARMENI's ERDOGAN sharia revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 8 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ANTIMO Mecca MIRANDOLA ("forza Israele") kaaba sharia: is Rothschild corporations SpA Banche Centrali: sistema Talmud massonico Bildenberg, e lui diventò, subito invibile per me, e poiché, nessuno mi aveva mai bloccato in facebook, in precedenza? io non capivo che lui mi aveva bloccato, così, io pensai che era giusto per gli Illuminati Enlightened diventare invisibili nella NATO del Nuovo Ordine Mondiale! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ new OLOCAUSTO [ ROTHSCHILD MECCA SHARIA kaaba, again: DISTRUGGE ISRAELE ] SHOAH news revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ FUNNY ] i musulmani possono dire tutto ed il contrario di tutto! [ l'egiziano che io ho incontrato da Notaio ha detto che: Maometto era un benefattore, perché tutte le sue 7 mogli erano donne, ragazze adolescenti e bambine che lui aveva salvato da un bordello! [ ed io ho i due impiegati del notaio che possono dichiararlo! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ nella LEGA ARABA Erdogan Salman? sono tutti terroristi assassini nazisti sharia moderati, a differenza di ISIS Boko Haram che loro sono terroristi estremi! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ MECCA DOMANDE kaaba CIA NATO CIRCA 11-09 ] è INUTILE PERDERE ALTRO TEMPO INUTILE: chi ha le armi atomiche inizi ad usarle! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ MECCA kaaba SHARIA FA IL MALE A TUTTI gli ebrei e a tutti i MARTIRI CRISTIANI NEL MONDO, perché, loro sono i sicari di OBAMA MERKEL BUSH ROTHSCHILD il NWO SPA FMI! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ MECCA DISTRUZIONE kaaba ISRAELE ] tutti quelli che commerciano con la sharia: sono sotto maledizione, E SOTTO VOTO DI STERMINIO, tutti quelli che sono nel sistema massonico delle false democrazie senza sovranità monetaria SPA BANCHE CENTRALI IL SATANISMO, sono sotto maledizione! TU NON HAI NESSUNA POSSIBILITà STATISTICA, DI POTER ANDARE IN PARADISO! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ ALL TERRORISTS IS ISLAMISTS NAZISTS NAZISM all despicable criminal as Mohammed HAMAS in MECCA kaaba SHARIA: WORLDWIDE CALIPHATE ERDOGAN metano gas! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ Caliphate Mecca Rome kaaba: ALLAH IS AKBAR! AKBARRRRRRRRRRrrrrrrrrrrrr ! AKBAR AKBAR AKBAR AKBAR revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ mecca mamma kaaba sharia ] la cagna iena lupa! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ MY ============ =================== ============ JHWH ] NON RIUSCIRAI A PROTEGGERLI DA ME, anche questa volta, QUESTA VOLTA TE LI AMMAZZO TUTTI: "I TUOI POVERI PECCATORI!" revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============
SHARIA TERRORE MECCA kaaba? è SEMPRE UN SPA FMI TALMUD TERRORE CORANO! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============
 "QUESTI DEVONO ESSERE TUTTI POTERI soprannaturali occulti ed ESOTERICI" ha detto Rothschild Kabbalah: " anche, tutti i POTERI islamici NAZISTI TALMUD sharia MECCA kaaba" tra i loro demoni islamici e nostri demoni SpA Gufo Banche Centrali FMI? tutti devono morire! revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH
 ============ =================== ============
lo STALLONE MAOMETTO Profeta, MONTA LA VAGINA TROIA PECORA 9 ANNI senza ciclo bambina! perché la bomba demografica, anche per un lussurioso come lui è qualcosa di ripugnante revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH
 ============ =================== ============
MECCA kaaba morire tutti sharia revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 9 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============
 non dovresti preoccuparti, perché: SpA CONTROLLO GLOBALE 666: CIA NATO, sacerdoti di satana, IMF 322 NWO massoni troika Merkel Obama GENDER DARWIN? è ANCHE sempre un controllo MECCA kaaba SHARIA: siamo un buone mani revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 10 HALLELUIAH JHWH
 ============ =================== ============
niente paura: DAI SATANA MASSONI ROTHSCHILD Merkel Bildenberg CI SALVERANNO nel cimitero: tutti i MAFIOSI MECCA kaaba sharia revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 10 HALLELUIAH JHWH
============ =================== ============
GENOCIDIO CURDI ARMENI? "già fatto" ha detto: MECCA kaaba SHARIA revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 10 HALLELUIAH JHWH
 ============ =================== ============
Iraq Siria Nigeria Cossovo Africa Europa Asia: "non c’è più un futuro nella vostra terra": ha detto: sharia mecca kaaba revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 10 HALLELUIAH JHWH
============ =================== ============
FARISEo MECCA usuraio kaaba SHARIa genocidio Erdogan revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 10 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============ OBAMA MECCA TRADITORE HITLER kaaba SHARIA revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 10 HALLELUIAH JHWH
============ =================== ============
PREGHIAMO tutti MECCA kaaba i demoni revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 10 HALLELUIAH JHWH
============ =================== ============
 kaaba è pedofili MECCA orientamento sessuale SHARIA revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 10 HALLELUIAH JHWH
============ =================== ============
Christian DHIMMI GIRL Kidnapped BY MECCA kaaba SHARIA revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 10 HALLELUIAH JHWH
============ =================== ============
MERKEL TROIKA BILBENBERG hanno detto: "nuovo Dio Occidente è MECCA kaaba" revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 10 HALLELUIAH JHWH
============ =================== ============
Israele è terra MECCA kaaba GENOCIDIO SHARIA: QUESTO HA DETTO SPA OBAMA ROTHSCHILD revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 10 HALLELUIAH JHWH
 ============ =================== ============
ISRAELE MECCA = SOLUZIONE FINALE revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 10 HALLELUIAH JHWH
 ============ =================== ============
BLATTA NATO MECCA revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 10 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============
With Open Doors, you can reach out to those in prison, help defend those without an advocate, and protect defenceless Christian families It could not get worse for Ruth. Her husband threw her out of their home. He took the children, then took her to court. All because she accepted Christ. Open Doors defends her case, and many like her."To be in prison but innocent was the worst feeling. To have a friend and advocate on the outside was more precious than I can say".“ Remember the prisoners as if you were in prison yourself” Hebrews 13.3 Uno sguardo sulla persecuzione nel mondo. Muovete il vostro mouse su questa mappa interattiva per una panoramica sulla persecuzione nel mondo. Porte Aperte - Open Doors opera nei paesi dove esiste la persecuzione a danno dei cristiani. Laddove altre organizzazioni cristiane non possono entrare o sono state costrette ad andarsene, Porte Aperte è presente per consegnare Bibbie, formare responsabili di Chiesa, realizzare progetti di sviluppo socio-economico, avviare interventi umanitari in casi straordinari, senza smettere mai di assicurare preghiera, incoraggiamento e patrocinio a tutti i cristiani perseguitati. Il cuore della nostra organizzazione è dunque il servire. Servire chi soffre a causa della fede in Dio. Servire chi si sente solo e abbandonato. Servire partendo da una semplice domanda: "Come posso aiutarti?" Per maggiori info sulla World Watch List e su come Porte Aperte elabora questa lista di paesi dove esiste la persecuzione.
revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 11 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============
PUTIN RUSSIA ] 18 DIC - La Nato ha dato il via libera oggi all'invio di aerei radar, caccia e navi nel Mediterraneo orientale per incrementare la difesa della Turchia [ TU REAGISCI A QUESTA NOTIZIA IMPONENDO LA "NO FLY ZONE" SULLA SIRIA! ANDASSERO A COMBATTERE ISIS SAUDITI DAI BOKO HARAM IN LIBIA, ADESSO!
revenge Yitzhak Kaduri revenge Yitzhak Kaduri 12 HALLELUIAH JHWH ============ =================== ============
KING fratello SALMAN SAUDI ARABIA ] PERCHé, TU ti meravigli, che io ti parlo amichevolmente, tutte le volte, dato che il tuo sistema ideologico senza reciprocità: sharia: mi condanna a morte. ma, UNIUS REI NON HA NEMICI NATURALI, SE, QUALCUNO POTREBBE NUOCERE A DIO ONNIPOTENTE? POI, UNIUS REI POTREBBE AVERE DEI COMPETITORI ANCHE LUI!
google: buona domenica ] vedi che questo tuo server http://dominusuniusrei.blogspot.com/ non risponde ai comandi, ed io ho la 100 MEGA fibra ottica
Putin ha detto: "non abbiamo nessun problema a collaborare sia con USA che con Assad in Siria". REALLY? ma, USA vanno in Pakistan e bombardano un ospedale di medici senza frontiere, vanno in Siria ed uccidono l'esercito siriano, POI, vanno in Iraq ed uccidono l'esercito iracheno! CHE UCCIDONO, ANCHE, QUALChE ISLAMICO ISIS? QUESTO NON è SIGNIFICATIVO, JIHADISTI SONO ANDATI LI PER MORIRE E REALIZZARE IL CALIFFATO SAUDITA TURCO MONDIALE, POI, loro credono di andare il Paradiso ma si sveglieranno all'inferno, insieme a tutti voi!
quello che mi piace dei sacerdoti cannibali di satana come Bush Rothschild Obama e Kerry, farisei e loro salafiti, è CHE LORO CREDONO NELL'INFERNO, POI, CREDONO IN ME, E POI, CREDONO male, nella loro pervertita MERDA RELIGIOSA: il talmud coranico, ecco perché Obama è caduto in depressione cronica!
==========================
1. Bibbia GENESI, PARADISO TERRESTRE: RAPPORTO INTIMO DI AMICIZIA CON DIO! è IN CONTRAPPOSIZIONE A: 2. SUDDITANZA AL DIO GUFO MARDUK EPOPEA BABILONESE: TORRE DI BABELE BAAL JABULLON: questo è il Corano Talmudico: QUESTI, sono due sistemi idEologici incompatibili! Ecco perché con la Creazione dell'uomo e il suo SUCCESSIVO: tradimento peccato originale: la guerra di civiltà non potrà mai terminare! CAINO ROTHSCHILD, CERCHERà SEMPRE DI UCCIDERE ABELE ISRAELE, SE ABELE NON SAPRà ESSERE PIù VELOCE DI LUI!
==========================
ALIENI DISCHI VOLANTI SONO DEMONI! quindi la loro componente invisibile è pari al 999%! Presiedono alla tecnologia delle telecomunicazioni, ecco perché i sacerdoti di satana della CIA, ti possono vedere anche al buio, nella tua camera da letto sotto le lenzuola, perché i tuoi sensi sono dei trasponder per loro, da questo punto di vista, la intuizione di ISIS di rimuovere la parabole satellitari è una precauzione patetica! l'unica difesa che abbiamo contro gli USA è la SANTITà: cioè rispettare con timore la LEGGE della torà!
=============================
ed adesso veniamo ad un aspetto veramente inquietante! WINDOWS10 è un delitto contro tutto il genere umano, perché, è un sistema tecnologico a disposizione del Nuovo Ordine Mondiale ed annulla completamente ogni concetto di privacy! il Responsabile di un CONSORZIO mi ha detto che, windows10 si è installato nel suo computer senza il suo consenso! E VOI NON DOVETE DIRE A WINDOWS: "PERCHé TU NON SEI MORTO PER TUTELARE LA NOSTRA PRIVACY?", PERCHé CON UNA PRIVATA SPA, banche centrali spa, PROPRIETà ROTHSCHILD SPA FONDO MONETARIO? POI, OGNI CORRUZIONE DI SISTEMI POLITICI ED ECONOMICI è UNA CORRUZIONE SISTEMICA IMPOSSIBILE DA VINCERE!
se, voi non intronizzate Unius REI, in ISRAELE regno 12 Tribù: e su tutte le Nazioni del mondo, non soltanto, voi vi farete questa guerra mondiale nucleare Erdogan SALMAN sharia Mecca Kaaba il falso profeta, ma, come dice il libro di Apocalisse, presto vedrete le statue parlare (A.I. biologia sintetica: magia nera: demoni alieni) per fare mettere a morte tutti i traditori del Nuovo Ordine Mondiale!
Obama Satana SpA NWO FED è uno spastico! NON RIESCE MAI A METTERE UN PASSO AVANTI A ME!


drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? LA VOSTRA ORA, VIENE VELOCE! ] 26/01/2011
«Traffico di esseri umani Business da 32 miliardi»
http://www.avvenire.it/Dossier/eritrei/Pagine/Traffico%20di%20esseri%20umani%20Business%20da%2032%20miliardi_201101260827549630000_201101260836500170000.aspx 16/01/2011 «Sinai, ci sono altri trentadue profughi in mano ai predoni»
http://www.avvenire.it/Dossier/eritrei/Pagine/Sinai%20ci%20sono%20altri%20trentadue%20profughi%20in%20mano%20ai%20predoni_201101170928347700000_20110117102027177000.aspx 07/01/2011
Ancora tensioni sul Sinai «Si muova la comunità internazionale»
http://www.avvenire.it/Dossier/eritrei/Pagine/il%20caso%20degli%20eritrei%20in%20ostaggio_201101071201499600000_201101071204564100000.aspx 06/01/2011
Sinai, ancora violenze Ucciso giovane eritreo
http://www.avvenire.it/Dossier/eritrei/Pagine/Sinai%20ancora%20violenze%20Ucciso%20giovane%20eritreo_201101060835505000000_201101061445194230000.aspx 05/01/2011
Nel Sinai sparatoria tra predoni e polizia
http://www.avvenire.it/Dossier/eritrei/Pagine/Nel%20Sinai%20sparatoria%20tra%20predoni%20e%20polizia_201101050938064100000_201101050942438600000.aspx 01/01/2011
Sinai, le voci dall’orrore
http://www.avvenire.it/Dossier/eritrei/Pagine/siani%20le%20voce%20orrore_201101011029421800000_201101011106579600000.aspx
. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] In catene nel deserto, l’odissea libica dei 255 eritrei. Paolo Lambruschi. 25 novembre 2010. Prigionieri nel Sinai, in catene come schiavi, ostaggio dei trafficanti egiziani. Così è finita una parte consistente, ben 80 dei 255 eritrei che nel luglio scorso avevano rischiato di morire nella famigerata prigione libica di Al Braq, in pieno Sahara, dopo essere stati respinti in mare dall’Italia e poi liberati grazie alla pressione delle organizzazioni umanitarie sul nostro governo. Un mese fa alcuni di loro sono fuggiti dalle sabbie libiche alla volta di Israele, su una delle nuove rotte della disperazione verso l’Europa, che ora incrociano il Medio Oriente e la Turchia, a rischiare di morire in un altro deserto. L’allarme è stato lanciato ieri, esattamente come l’estate scorsa, dal blog dell’agenzia di cooperazione allo sviluppo Habeshia. Secondo la quale ci sono 600 persone in condizioni disperate da oltre un mese nel deserto al confine tra Egitto e Israele, prigioniere del racket. Oltre agli 80 eritrei fuggiti da Tripoli, somali e sudanesi. Tra questi, vi sono anche donne, segnala il blog curato da Roma dal sacerdote cattolico eritreo Mosè Zerai. Ciascuno ha versato al racket 2.000 dollari. Ma i trafficanti ne pretendono altri 8.000. «Gli eritrei – racconta don Mosè – mi hanno raccontato di aver lasciato Tripoli per raggiungere Israele dall’Egitto. Ma nel corso del viaggio i trafficanti hanno tradito gli accordi e il prezzo è aumentato. Così li hanno sequestrati». Sulla loro drammatica condizione sappiamo solo quanto hanno raccontato al prete. «Dicono di trovarsi nel Sinai, segregati dai beduini nelle case nel deserto, ma non sanno dire dove perché sono stati incappucciati durante gli spostamenti. Da un mese sono legati con le catene ai piedi, come si faceva nel commercio degli schiavi, continuamente minacciati e da 20 giorni non toccano acqua per lavarsi. Vi sono anche donne debilitate dalla mancanza di cibo e dalla scarsa igiene».
Non sono i primi a subire questa sorte. Questa forma di sequestro che sfrutta la disperazione dei profughi è redditizia. Già un anno fa l’agenzia Fortress Europe segnalava questa nuova rotta che parte dal Cairo verso la frontiera israeliana nel Sinai e dalla quale passano mille persone al mese, quasi tutti eritrei ed etiopi. Nei casi peggiori i passeggeri dopo aver pagato sono abbandonati lungo il confine.
«Purtroppo – aggiunge don Mosè – questa situazione è anche frutto della chiusura delle frontiere dell’Europa. i richiedenti asilo provenienti dal Corno D’Africa non hanno alternative e si affidano ai sensali di carne umana». Ieri il senatore Pietro Marcenaro, presidente della Commissione straordinaria per i Diritti Umani, ha presentato un’interrogazione urgente al ministro degli Esteri in cui si chiede di verificare la situazione degli 80 eritrei trattenuti in Egitto e di muovere tutti i passi necessari nei confronti del governo del Cairo per salvarli. Ma torniamo in Libia, dove a luglio esplodeva il caso di 205 uomini e 50 donne fuggiti dall’Eritrea. Nel 2009 e nel 2010 avevano tentato di passare per l’antica rotta del Mediterraneo ed erano stati respinti in mare e poi arrestati. Ai primi di giugno, ad esempio, una ventina di eritrei venne intercettata e respinta su un barcone diretto in Italia in circostanze mai chiarite. Videro un’imbarcazione con bandiera italiana e si avvicinarono, ma a bordo c’erano militari libici che li riportarono indietro. Il ritorno fu drammatico. «Una persona è annegata in mare, altri tre che conoscevano l’arabo sono stati malmenati perché si sono ribellati. Da quasi sei mesi nessuno ha più notizie di loro. Una donna e il suo bambino di otto mesi sono stati incarcerati al buio per ore senza ricevere cibo né acqua.». A fine giugno, dopo una rivolta nel centro di detenzione libico di Misurata, i maschi vennero trasferiti nel durissimo carcere di Al Braq, a Sebha, a sud, nel deserto. Le donne rimasero a Misurata e furono sottoposte a violenze e atti degradanti. Ma ai primi di luglio qualcuno riuscì ad avvisare don Zerai, che rilanciò la notizia su Habeshia. Allora i 255 vennero rilasciati approfittando della nuova legge varata da Tripoli contro l’immigrazione clandestina che prevedeva una sanatoria, con un permesso provvisorio di tre mesi e il divieto di lasciare la città. Ora, però, i permessi sono scaduti e siamo da capo. «Chi non è fuggito è intrappolato nelle città libiche – chiarisce il sacerdote – senza diritti. In tutto in Libia vi sono un migliaio di eritrei, tutti a luglio hanno beneficiato della sanatoria. Chi ha potuto si è spostato verso Tripoli o Bengasi e lavora in nero. Per rinnovare il permesso devono, però, presentarsi con il passaporto eritreo e un contratto di lavoro. Altrimenti devono rivolgersi alle autorità diplomatiche del loro Paese. Naturalmente non possono farlo in quanto rifugiati». Chi va in ambasciata rischia infatti la deportazione o vendette contro i congiunti rimasti nel Corno d’Africa. Ma, se non rinnovano il permesso, si spalancano le porte delle carceri. «Ho appena ricevuto – racconta il prete – chiamate che riferiscono di retate della polizia casa per casa. E tornare in quelle prigioni è terribile: vivono ammassati e senza potersi lavare, sono maltrattati. Molte donne sono state violentate e messe incinta dalle guardie carcerarie». Chi può fugge allora dall’inferno, come gli 80 ora però imprigionati nel Sinai. Stando alla convenzione sui diritti umani queste persone non sono criminali, ma avrebbero diritto a chiedere asilo e ad essere protette dai governi della civilissima Europa. Libia, orrore nel Sinai: uccisi altri tre eritrei. Paolo Lambruschi. 1 dicembre 2010. Sei morti ammazzati in 48 ore. Cadono come mosche, al ritmo di tre vite umane al giorno, gli 80 eritrei fuggiti dalla Libia nel tentativo di raggiungere l’Europa attraverso Israele e caduti da oltre un mese nelle mani di una banda di spietati trafficanti di esseri umani nel Sinai. L’allarme è stato rilanciato sul blog dell’agenzia di cooperazione Habeshia dal sacerdote eritreo cattolico della diocesi dell’Asmara Mosè Zerai, che vive a Roma e che dalla capitale, dallo scorso 24 novembre, è in contatto telefonico con questi sventurati in trappola. Ai quali i carcerieri lasciano usare il cellulare per implorare il pagamento del riscatto di 8mila dollari. Al confine tra Egitto e Israele, si sta consumando l’ennesima tragedia dell’immigrazione nell’indifferenza dei governi e nel silenzio dei media. Ieri altri tre eritrei sono stati massacrati a bastonate dai banditi, che tengono in ostaggio i profughi in una località indefinibile. Si tratta di persone che, una volta giunte sul suolo europeo, avrebbero diritto di chiedere asilo. Nel deserto la loro vita vale poche migliaia di dollari. L’odissea è iniziata più di un mese fa, quando i passatori avevano promesso di trasportare i fuggitivi oltre la frontiera con lo stato ebraico in cambio del pagamento di duemila dollari. Ma li hanno ingannati, fermando il camion dei profughi in mezzo al deserto e chiedendo 8mila dollari a testa per lasciare gli ostaggi in vita. Da lunedì è cominciata la mattanza. L’altro ieri tre persone erano state torturate e uccise a sangue freddo con la pistola perché non era stato pagato il riscatto, ieri un tentativo disperato di fuga di una dozzina di profughi è stato fermato e represso con violenza bestiale lasciando sul terreno altri tre cadaveri. Dalle informazioni in possesso del prete eritreo risulta che gli ostaggi sono quasi tutti sotto i trent’anni. Nel gruppo vi sono anche alcune donne. Sono tenuti prigionieri in condizioni inumane, in catene, maltrattati, con vitto scarso e senza potersi lavare. In tutto nell’area vi sarebbero 600 ostaggi provenienti da Corno d’Africa e Sudan. «Ho parlato con alcuni ostaggi eritrei ieri mattina – racconta don Zerai – mi hanno detto che i rapitori sono armati fino ai denti e determinati. Stanno perdendo le speranze di restare vivi, non c’è più tempo. Dove sono? Non riescono a identificare la località, sono stati incappucciati durante il trasbordo. Mi hanno riferito di vedere dalla prigionia una scuola e una moschea. Può agire solo il governo egiziano. Ma serve un intervento urgente dei governi europei sul Cairo per salvare i 74 superstiti o moriranno nell’indifferenza delle istituzioni nazionali e internazionali». Non si escludono connivenze dell’organizzazione di trafficanti con la polizia. Lunedì don Zerai è stato ascoltato a Bruxelles in un’audizione al Parlamento europeo senza, però, ottenere molto. Ma qualcosa si muove. L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ha segnalato il caso alle autorità egiziane. Ieri le senatrici del Partito Democratico Emanuela Baio e Mariapia Garavaglia, componenti della commissione diritti umani di palazzo Madama, hanno lanciato un appello: «Salviamo la vita degli eritrei che muoiono nel deserto del Sinai, una parte di loro risulta essere stata respinta dalla Libia» . «Risulta che, al confine tra Egitto ed Israele, – si legge in una nota delle due senatrici – nel deserto del Sinai, luogo simbolo per la cristianità, dove sono state consegnate a Mosè le tavole dei 10 Comandamenti, si consumino ogni giorno efferati delitti impuniti. E sembra che queste violenze lascino diversi Stati e il nostro governo completamente disinteressati». Le parlamentari hanno firmato l’interrogazione presentata la scorsa settimana dal Presidente della commissione Diritti umani del Senato Pietro Marcenaro e hanno chiesto al ministro degli Esteri Frattini di riferire in Senato. «Chiediamo di sapere cosa stia facendo il Governo italiano verso quello egiziano per liberare i profughi e cosa stia facendo verso la grande Repubblica Araba di Libia, popolare e socialista per difendere il diritto alla protezione umanitaria. Un paese con il quale abbiamo siglato poco tempo fa un accordo costato non poco alle casse dello Stato».
. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] Sinai, le voci dall’orrore. Paolo Lambruschi. 1 gennaio 2011. voce dall’inferno del Sinai arriva flebile, ma chiara. Don Mosè Zerai, il sacerdote eritreo che dal 23 novembre scorso ha denunciato il sequestro di un gruppo di 80 eritrei provenienti dalla Libia e diretto in Israele, ha appena chiamato gli ostaggi cui i rapitori, i beduini Rashaida, hanno lasciato il cellulare per sollecitare il pagamento del riscatto di ottomila dollari. L’orrore e la crudeltà si mescolano a due buone notizie. Altre 15 persone riscattate verranno liberate oggi. E i primi quattro ostaggi rilasciati due settimane fa sono stati rintracciati in Israele dall’ong nordamericana Phr in un centro di detenzione. Mentre la conversazione tra il prete e un giovane ostaggio si svolge in tigrino, registrata da Tv2000 e da RadioInBlu, sullo sfondo si sentono rumori di bastonate e lamenti. Donne e uomini sono trattati da mesi come bestie dai moderni mercanti di schiavi. Otto sono stati uccisi solo in questo gruppo la cui sorte è stata intercettata. Torture e abusi sono pratica quotidiana e non solo per sollecitare il pagamento del riscatto. I predoni si accaniscono contro gli eritrei per vendicare un tentativo di ribellione sedato nel sangue e costato la vita a un carceriere. E per l’antico odio dei nomadi islamici dell’Africa del nordest verso i tigrini, stanziali e cristiani. «All’altro capo – spiega don Mosè, visibilmente provato quando si conclude la concitata conversazione – c’era un ragazzo. Li stavano picchiando mentre parlavamo, mi implorava di sbrigarsi a pagare il riscatto. Sanno che altrimenti vanno incontro alla morte». Il resoconto dell’ostaggio conferma la presenza nel lager di tre donne incinte, una vicina al parto. «Anche per questo – aggiunge il prete – continuano a ripetermi di fare presto. Rischia di più chi non ha parenti che inviano soldi. Vengono picchiati per obbligarli a trovare il denaro o accettare l’espianto dei reni come forma di pagamento. Temo li vendano ad altri gruppi». La conversazione riprende. Al cellulare altre persone raccontano, con il terribile sottofondo delle bastonate, di essere rinchiusi dentro un container, mani e piedi incatenati. Stanno vegliando pietosamente un compagno malridotto, da giorni in lotta per sopravvivere. «Sono rimasti in 60 circa – traduce don Zerai – i sequestratori hanno separato chi può pagare da chi non ha i mezzi. Oggi liberano altre 15 persone i cui parenti hanno versato la somma richiesta».
Ma l’odissea non termina con la scarcerazione. Scortati da aguzzini ben armati, in marcia scalzi e malconci verso il confine, i profughi rischiano di venire arrestati dalla polizia egiziana, la quale prima di Natale ha catturato 27 ostaggi – in maggioranza eritrei, poi etiopi e sudanesi – e li ha riconsegnati alle ambasciate dei paesi di provenienza. La consegna alle sedi diplomatiche– palese violazione della convenzione Onu sui rifugiati ratificata dal Cairo nel 1981 – suona come una condanna a morte per chi, in fuga dalle persecuzioni, è migrato illegalmente. Nonostante l’imbarazzante silenzio sulla vicenda, il governo egiziano almeno un passo avanti l’ha compiuto vietando alle guardie di frontiera di sparare sui profughi diretti al confine. In Israele, intanto, l’ong di medici Phr ha trovato in due centri per migranti quattro ostaggi del gruppo proveniente dalla Libia, scarcerati due settimane fa. Uno di loro, Haile, è stato nelle mani dei Rashaida del Sinai del Nord 60 giorni. Aveva pagato ai beduini libici 2000 dollari, ma l’hanno venduto.
«Eravamo in cinque – è la sua testimonianza – i predoni ci hanno chiesto 5000 dollari. Ho pagato, sono stato l’unico. Non so dove si trovi la mia prigione né che fine hanno fatto le 40 persone rinchiuse con me nel container».
Don Zerai lancia l’ultimo appello del 2010 all’Unione europea, all’Italia e ai paesi della regione del Sinai per salvare i profughi eritrei in ostaggio e stroncare il traffico. «La comunità internazionale deve prendere in mano la situazione. Si faccia fronte comune tra Egitto, Israele e Autorità palestinesi, non è possibile che continuino questi traffici. L’Ue dichiari al Cairo che può accogliere gli ostaggi, ha già dato segnali di disponibilità. Chi può, intervenga subito». Eritrei, «I predoni stanno separando gli ostaggi» Paolo Lambruschi. 30 dicembre 2010. Nei container sepolti sottoterra nel Sinai è iniziata la separazione tra chi è in grado di pagare il riscatto e chi non potrà farlo. Un preludio di nuovi orrori. Le ultime, drammatiche cronache dall’inferno del Sinai procurano angoscia. Le riferisce don Mosè Zerai, che dal 23 novembre scorso è in contatto telefonico con gli eritrei caduti nelle mani dei rapitori. «Ieri gli ostaggi – afferma il sacerdote eritreo, presidente dell’agenzia di cooperazione allo sviluppo Habeshia – mi hanno riferito che per la prima volta sono stati separati, Il gruppo di donne, anche le tre in stato di gravidanza, che non possono pagare gli ottomila dollari richiesti dai banditi è stato spostato ieri mattina. Il loro timore è che ora vengano vendute ad un altro gruppo di trafficanti. Oppure, nella peggiore delle ipotesi, che siano sottoposte all’espianto degli organi». Forse sono stati gli arresti della polizia egiziana compiuti ai danni degli ostaggi nei giorni scorsi a suggerire ai moderni mercanti di schiavi di accelerare i tempi. Nell’area operano almeno 20 gruppi di predoni collegati tra loro, che hanno rapito negli ultimi tre mesi 300 eritrei, tutti diretti verso il confine israeliano sulla nuova rotta del Sinai presidiata da sempre dai Rashaida, i beduini dell’Africa nordorientale. Almeno 80 eritrei sono fuggiti dalla Libia dopo aver tentato invano di raggiungere via mare le coste italiane, mentre il resto è in fuga dal Corno d’Africa. Stando alle testimonianze telefoniche dei detenuti, confermate dalla ong sanitaria americana Phr che ha documentato le torture subite dai superstiti giunti in Israele in questi mesi, agli eritrei è toccato il trattamento peggiore per rappresaglia. Un gruppo di fuggiaschi tigrini, poi catturato, avrebbe infatti ucciso un carceriere. Le donne sono state ripetutamente abusate, tutti sono stati incatenati, picchiati e sottoposti a torture e violenze disumane, compresa la marchiatura a fuoco. Otto prigionieri sono stati uccisi e ad almeno quattro sembra sia stato prelevato un rene come pagamento del riscatto. Il cibo è scarso, una pagnotta ogni tre giorni e acqua salata. Solo chi ha già pagato rate della somma richiesta, con modalità ormai codificate – via Western union a emissari segnalati dalle bande – è trattato meglio. Stando alle dichiarazioni delle forze di sicurezza egiziane, che l’altro ieri hanno per la prima volta ammesso la presenza degli ostaggi, sarebbero detenuti nel deserto anche altri 900 africani – etiopi, somali e sudanesi – che avrebbero pagato la somma richiesta per la liberazione e starebbero per varcare il confine con Israele. La telefonata effettuata ieri dal prete ha aggiunto un tassello alle notizie sugli arresti della polizia egiziana di 27 ostaggi liberati. Tra questi non vi sarebbero i 20 eritrei provenienti dalla Libia rilasciati prima di Natale. Ieri alcuni hanno infatti telefonato agli ormai ex compagni di sventura confermando l’arrivo sul suolo ebraico. Hanno detto di aver fornito le proprie generalità alle autorità israeliane e di trovarsi in un centro di detenzione. Si attendono riscontri. Don Zerai intanto è tornato chiedere l’intervento dei governi della regione, «ormai terra di nessuno dove regna l’anarchia dei trafficanti di esseri umani. Non si comprende il silenzio delle autorità egiziane, israeliane e palestinesi. Si sta consumando un dramma alle porte delle loro nazioni e nessuno di loro prende a cuore questa emergenza umanitaria». Il prete si domanda amaro che fine hanno fatto gli accordi internazionali per la lotta contro la tratta di esseri umani e il traffico d’organi. «Perché si sta perdendo del tempo? Spero che non sia una scelta politica di questi paesi che usano questa situazione drammatica come deterrente contro l’immigrazione. Molti di questi migranti sono profughi di guerra, perseguitati, gente che fugge dalla morte lenta causata da calamita naturali. Le persone disperate tentano il tutto per tutto, anche affrontando la morte, ma i paesi ricchi e "civili" non possono preoccuparsi solo di sigillare i propri confini». C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] Egitto ammette:
sono 300 gli ostaggi eritrei. Paolo Lambruschi. 29 dicembre 2010. Dopo 35 giorni crolla il muro di gom­ma eretto dalle autorità egiziane at­torno al sequestro degli eritrei ed e­mergono nuove, importanti prove sull’in­ferno del Sinai. La stessa polizia egiziana e fonti a Rafah vicine agli stessi trafficanti, i clan beduini Rashaida, hanno confermato all’Ansa e ad altre agenzie occidentali la presenza dei 300 ostaggi. Inoltre gli arresti effettuati nel deserto nei giorni scorsi dal­le autorità egiziane riguardano ostaggi ri­lasciati prima di Natale dai rapitori dopo il pagamento del riscatto. Appurata anche l’e­norme entità del traffico. Ma i banditi re­stano impuniti. Ieri è stato chiarito il numero delle perso­ne catturate dalla polizia. Si tratta di 27 mi­granti africani, fermati nel deserto in due ri­prese. Il primo gruppo, composto da otto eritrei e sette etiopi, è stato arrestato tre giorni fa, mentre il secondo, di sette eritrei, tre sudanesi e due etiopi, è stato fermato lu­nedì alla frontiera con Israele. Confermato che i 300 eritrei sono ancora in mano ai banditi. Circa 80 provengono dalla Libia, dove alcuni erano stati respinti nel Medi­terraneo dalle nostre motovedette. Gli altri arrivano dall’Eritrea attraverso il Sudan.
So­no stati tutti venduti da una banda di traf­ficanti senza scrupoli all’altra, come ab­biamo appreso in questo mese ascoltando le testimonianze di ostaggi rilasciati, dei parenti e della suora comboniana Azezet Kidane, che ha curato i superstiti giunti in Israele. I predoni hanno inoltre imprigio­nato 900 migranti di altre nazionalità – su­danesi, etiopi, somali – i quali hanno pagato le somme richieste e aspettano di poter ten­tare l’ingresso in Israele. In tutto sono coin­volte 1200 persone, è la conferma che nel Sinai è in corso da tempo un giro d’affari cri­minale di svariati milioni di dollari sulla pelle dei disperati del pianeta. Durante la detenzione in baracche e container inter­rati hanno tutti subito torture e violenze, le donne sono state abusate. Un trattamento disumano condito da minacce di morte e di espianto di reni. Per contattare l’esterno e raccontare l’orrore, ai rapiti è stato lasciato il telefono cellulare per accelerare i paga­menti del riscatto via Western Union a e­missari della banda al Cairo e a Gerusa­lemme. Ad eritrei ed etiopi è toccato il trat­tamento peggiore, come confermano le te­stimonianze raccolte ieri, come vendetta per l’uccisione di un carceriere durante un tentativo di fuga di 25 di loro, conclusosi tragicamente con l’assassinio di sei eritrei. Ribadito infine che almeno otto ostaggi sa­rebbero stati uccisi dai trafficanti, una de­cina di uomini bene armati che cambia spesso i luoghi di detenzione. La polizia e­giziana continua comunque a non inter­venire per catturare i mercanti di schiavi, anzi. L’ultima volta che intervenne, ad a­gosto, aprì il fuoco su un gruppo di eritrei imprigionati a Rafah e lasciò impuniti i car­nefici. Stavolta ha ricevuto l’ordine di non sparare e limitarsi ad arrestare i migranti rilasciati per immigrazione clandestina. Al­le vittime il governo del Cairo, delle quali fi­no a ieri ha negato perfino la presenza nel­la zona al confine con Israele, lascia la vita, ma riserva una beffa atroce. I profughi ar­restati vengono consegnati alle rispettive ambasciate dei paesi di provenienza per il rimpatrio immediato, che può voler dire galera e morte. Le forze egiziane sostengono di non poter intervenire nel Sinai riparandosi dietro il Trattato di pace con Israele che impedisce di introdurre armi pesanti e blindati nella zona di frontiera. I Rashaida disporrebbe­ro invece di armi sofisticate, acquistate dai sudanesi come contropartita per il traffico di esseri umani. La notizia degli arresti ha intanto allarmato la diaspora eritrea, nella quale proseguono le collette per pagare i riscatti, che i predoni pretendono vengano rateizzati per non venire identificati. «Lunedì ho sentito mio fratello dal Sinai – di­chiara H., rifugiato eritreo che vive in Sviz­zera – e non mi ha detto nulla. Ho sentito anche altri parenti, noi continuiamo a pa­gare e a sperare». Ieri il sacerdote eritreo Mosè Zerai ha con­tattato gli ostaggi. «Non sanno nulla, mi chiedevano di fare presto a pagare per li­berarli. Chiediamo al governo egiziano di consegnare i profughi nelle mani dell’Acnur e non alle ambasciate che li potrebbero rimpatriare. Ma questo potrà accadere so­lo se l’Europa dimostra fattivamente di es­sere disposta a dare asilo a queste persone. Mi preoccupa la sorte di chi non può pa­gare, un gruppo di almeno 15 persone che comprende sei donne, tre in stato di gravi­danza ». L’odissea nel deserto, insomma, è tutt’altro che finita. Gli egiziani arrestano migranti. alla frontiera. Paura per gli eritrei [Paolo Lambruschi ] 28 dicembre 2010. Confermata la liberazione del gruppo di 20 ostaggi eritrei rilasciati prima di Natale dai rapitori, i beduini del Sinai. Di loro, però, mancano ancora notizie certe: l’unica cosa assodata è che non son o più nelle mani dei rapitori. Ma su dove siano finiti è ancora mistero. E ora si apre un altro preoccupante scenario. Sedici persone, infatti, sono state fermate dalle guardie di frontiera egiziane. Si tratta, secondo le autorità del Cairo di 16 africani che stavano tendando di entrare in Israele. Di più le forze di sicurezza cairote non dicono. Si tratta del terzo episodio del genere in un mese, mentre il governo continua a negare l’esistenza del traffico di esseri umani e la presenza degli ostaggi nell’area. Secondo l’agenzia Associated press 14 di loro sarebbero sudanesi e solo due, un uomo e una donna, sarebbero, invece di nazionalità eritrea. Il gruppo sarebbe stato portato al confine dai beduini in cambio di denaro. La certezza però manca ancora e ciò, unito al fatto che dei 20 eritrei è stata, per ora, persa ogni traccia, non consente di escludere che per questi sfortunati profughi sia sia aperta una nuova cella: dopo quelle dei beduini quelle delle carceri egiziane. Dalle prigioni nel deserto, intanto, ieri nessuna telefonata. Il giorno di Santo Stefano alcune donne rapite hanno contattato il sacerdote eritreo Mosè Zerai. Secondo la testimonianza il pagamento dei riscatti, tuttora in corso, ha placato la violenza dei trafficanti. In Israele intanto la questione dei rifugiati giunti dal Sinai sta diventando un caso politico. Mentre i principali quotidiani riprendono il rapporto dell’ong di medici Phr, Nobel per la pace 1997, sulle torture subite dalle persone rapite nel deserto, un migliaio di immigrati africani ha manifestato per le strade di Tel Aviv il 24 dicembre scorso contro la recente decisione del governo di Benjamin Netanyahu di istituire centri di detenzione per immigrati giunti Israele attraverso la frontiera con l’Egitto. Sulla questione degli ostaggi è intervenuto in questi giorni anche il gruppo umanitario Everyone che, ricordando le minacce fatte dai mercanti di uomini ai detenuti, ha puntato il dito contro l’Egitto. «Per coloro che non sono in grado di pagare il riscatto – si legge in una nota – si profila una fine orrenda. L’Egitto, nonostante l’impegno delle istituzioni per combattere l’odioso fenomeno, è tuttora il terzo Paese al mondo per traffico di reni umani, con un giro d’affari da capogiro, la copertura della mafia locale e agganci con la criminalità organizzata di altri Paesi. Al Cairo e in altre città esistono da anni cliniche clandestine attrezzate per rifornire questo mercato. Le donne possono finire nel racket della prostituzione, un giro criminoso in cui diventeranno schiave e da cui non esiste via di fuga. Per bambini e giovanissimi si prospetta la possibilità di cadere nel mercato della pedofilia o del lavoro nero». Fin dagli inizi della vicenda Everyone ha affermato che il traffico di esseri umani è gestito dai clan beduini del deSerto egiziano con la complicità di Hamas. Anche don Zerai ha ribadito l’appello alla liberazione di tutti gli ostaggi nelle mani dei trafficanti: «Non ci stanchiamo di fare appello a tutti, istituzioni, organizzazioni umanitarie, persone di buona volontà a chiedere con forza che Egitto, Israele e l’Autorità Palestinese facciano fronte comune per combattere questo odioso traffico. Chiediamo all’Unione Europea di assumersi le proprie responsabilità». C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] Eritrei, venti ostaggi liberati. Torture a chi non paga. Paolo Lambruschi 24 dicembre 2010. Venti ostaggi sono stati libera­ti mercoledì dall’inferno del Sinai. Ma almeno 15, tra le quali sei donne - tre in stato di gravi­danza - rischiano di restare nelle ma­ni dei predoni e sparire nel nulla. E nelle prossime ore si tenterà di tutto per trovare almeno i danari del ri­scatto delle ragazze. Intanto sulla stampa egiziana appaiono le prime conferme sul terribile traffico di uo­mini in atto nel deserto, notizie smentiscono ancora una volta il go­verno del Cairo. Dunque un mese e­satto dopo la scoperta del mercato di rifugiati africani tra Egitto e Israele, arrivano novità che possono impri­mere una svolta. Le persone rilasciate appartengono al gruppo degli 80 eritrei partiti dalla Li­bia, sequestrati un mese fa da un gruppo di predoni e detenuti in con­dizioni disumane. La notizia è stata data ieri da uno dei prigionieri al fra­tello, un profugo eritreo che vive a Berna, durante la telefonata conces­sa dai sequestratori per chiedere il ri­scatto. «Mi ha detto che è stato completato il pagamento di ottomila dollari per 20 persone– conferma H., il cui fra­tello è nel gruppo partito dalla Libia – che sono state rilasciate. Vengono tutti da Tripoli. Attendiamo la con­ferma del loro arrivo in Israele, ma altri parenti mi hanno detto la stessa cosa». Il tam tam tra nella diaspora in Eu­ropa ribadisce che i pagamenti sono avvenuti via Western union, con il metodo usuale: indirizzati agli inter­mediari segnalati dalla banda via sms al parente pochi minuti prima di ef­fettuare la transazione. Anche H. è riuscito, a prezzo di gran­di sacrifici, a mettere insieme la som­ma richiesta dai banditi. «Non posseggo più nulla. Mio fratel­lo mi ha annunciato che domani do­vrebbe essere rilasciato. Insieme a lui dovrebbero ritrovare la libertà altri o­staggi, tra i quali una donna incinta, venduti ai Rashaida dall’eritreo Fa­swat Mahari, che aveva organizzato il viaggio dalla Libia al Sinai. So che altri pagamenti verranno saldati in queste ore. È il regalo di Natale più bello della mia vita». Ma cresce l’angoscia per la sorte di chi non ha parenti in grado di paga­re. Ibrahim ad esempio ha un cugi­no nel Sinai, vive a Genova con un re­golare permesso di rifugiato politico ed è disperato. «Ho versato lunedì mille dollari per mio cugino ai banditi al Cairo. I se­questratori gli hanno spezzato le ma­ni a sprangate. Però gli ho detto che non posso fare di più. Ieri mi ha det­to che stanno continuando a tortu­rarlo. Non è possibile che nessuno intervenga». Anche don Mosè Zerai, il sacerdote e­ritreo che per primo ha lanciato l’al­larme trenta giorni fa e che da allora ha tenuto i contatti con gli ostaggi fingendosi un parente, conferma, ma non nasconde l’enorme preoccupa­zione per un epilogo tragico. «Non sappiamo che fine faranno le persone che non possono pagare. So­no almeno una quindicina, tra le quali sei donne. Tre sono incinta. Farò l’impossibile per cercare di trovare i soldi per salvare almeno loro, hanno subito troppo e rischiano di finire chissà dove, magari vittime del traf­fico d’organi. Anche se il pagamento del riscatto – conclude amaro il pre­te – alimenterà il traffico di schiavi. I governi e l’Onu hanno chiuso gli oc­chi davanti ai mercanti di uomini». Intanto sul «Daily News Egypt», te­stata indipendente distribuita con l’International Herald Tribune, è comparso il 22 dicembre un articolo che ammette per la prima volta la presenza dei «rifugiati africani» rapi­ti e torturati dai trafficanti per estor­cere riscatti. Il servizio assesta un’al­tra picconata alle tesi del ministro de­gli Esteri egiziano Ahmed Aboul Gheit, il quale ancora sabato negava tutto. Una fonte anonima nel Sinai riferisce di non saper dire quanti so­no i prigionieri. Ne avrebbe visti so­lo 30, ma ammette che il numero cre­sce per i continui arrivi. Soprattutto racconta un fatto avvenuto a fine no­vembre, quando alcuni prigionieri a­vrebbero sottratto le ar­mi ai carcerieri e tentato la fuga. Sarebbero stati catturati dalle guardie di confine dopo uno scon­tro a fuoco che ha provo­cato diversi feriti. Quasi lo stesso racconto fatto dagli ostaggi a fine no­vembre a don Zerai sul blitz conclusosi tragica­mente con l’uccisione a bastonate di sei fuggia­schi. Un resoconto che, un mese dopo l’allarme lanciato da don Mosè, rende insostenibile la po­sizione del Cairo. Che fi­ne hanno fatto i feriti, so­no stati curati negli ospedali egizia­ni? O sono stati riconsegnati ai car­cerieri? Possibile che le guardie di confine non abbiano riferito ai su­periori della sparatoria? Le risposte farebbero crollare il muro di silenzio eretto dalle autorità egiziane attorno al dramma del Sinai. [ Eritrei, la suora testimone: «Picchiato a morte chi non paga» Paolo Lambruschi. 23 dicembre 2010. In tre mesi ha incontrato oltre 200 eritrei ed etiopi passati dall’inferno del Sinai. Racconti di torture orribili che confermano cosa sta accadendo nel deserto, anche se finora il governo del Cairo sostiene di non aver trovato conferme dei rapimenti. Azezet Kidane è una suora comboniana eritrea, vive nella missione di Betania e da giugno due volte alla settimana arriva in autobus a Tel Aviv, nel piccolo ambulatorio dei medici volontari dell’ong internazionale Phr ad ascoltare e assistere i rifugiati. Una testimonianza importante, quella di Suor Azezet. Conferma che negli ultimi tre mesi sono fortemente aumentati i casi di profughi provenienti dall’Eritrea e dall’Etiopia che si rivolgono alla struttura sanitaria con gravi traumi fisici e mentali causati dalle prigionie nel deserto durante le quali vengono sottoposti a torture fisiche e psicologiche durissime.
«Ho incontrato 193 profughi da settembre ad oggi. Negli ultimi due mesi soprattutto persone provenienti dalla Libia. Aspettano troppo e i controlli di polizia sono troppo duri, così cercano altre possibilità. Molti raccontano di essere stati rapiti nel Sinai dai beduini e legati con i ferri insieme ad altre sei o sette persone e di essere stati picchiati quotidianamente. Alcuni sono stati messi a testa in giù e issati in alto oppure feriti agli arti e minacciati di amputazione. I trafficanti portano nelle prigioni del deserto persone vestite da medici, con il camice bianco. E dicono ai prigionieri terrorizzati che se non pagano toglieranno loro i reni. Sembra incredibile, ma sono le storie che sento ogni giorno, una peggio dell’altra».
E a chi non paga cosa succede? Molti testimoni mi hanno detto la stessa cosa: in ogni gruppo due o tre persone sono state picchiate a morte.
Lei ha incontrato anche donne? Sì, le racconto una storia emblematica. L’altro giorno è venuta in ospedale una giovane eritrea. Ha aspettato oltre un anno in Libia, poi, quando ha visto che non era più possibile arrivare via mare in Italia, ha chiesto a un trafficante di portarla in Israele. Ha pagato duemila dollari ma è stata rapita nel Sinai ed è stata tenuta prigioniera per 40 giorni dei beduini. I trafficanti l’hanno violentata più volte. Poi ha pagato il riscatto. È arrivata in Israele due settimane fa, era incinta. Nonostante tutti i nostri sforzi per convincerla a cambiare idea la settimana scorsa ha abortito nel campo profughi. Ora è distrutta dal rimorso e dalla vergogna, teme di aver contratto l’Aids. È terribile. Continuava a ripetermi che non sapeva chi era il padre e che non avrebbe potuto spiegare come stavano le cose al suo bambino. Dalle testimonianze ha capito come è organizzato il traffico nel Sinai? I trafficanti si passano le persone da un paese all’altro, ma ciascuno si tiene i soldi per la propria tratta. Tu hai pattuito duemila dollari dalla Libia ad Israele, ma quando arrivi nel Sinai devi pagarne altri duemila al trafficante che ti prende in consegna. Chi non può pagare viene sequestrato e deve telefonare ai parenti per trovare i soldi. Le richieste sono aumentate negli ultimi tempi, adesso sono arrivati a chiedere ottomila dollari. Ci sono diverse bande nel Sinai? Credo almeno una ventina. Nessuno mi ha detto il nome del trafficante, ma dalla descrizione del luogo di detenzione so già quali torture hanno subito. Se mi dicono che sono stati prigionieri in una casa di lamiera capisco che sono stati trattati peggio di tutti. I sequestratori sono razzisti. Ad esempio eritrei ed etiopi sono trattati peggio dei sudanesi. Ha capito dove si trovano le prigioni? Sicuramente nel Sinai egiziano. Tutti confermano che i criminali quando li hanno liberati li hanno fatti camminare scalzi fino al confine, a volte sette ore oppure solo un’ora. Poi li fanno correre quando arrivano alla «no man’s land», la terra di nessuno. E la polizia egiziana? Se li ferma per controlli intasca mance dai passatori. Il rischio è quando si varca il confine, è capitato che lì la polizia spari sui profughi per ucciderli.. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] odissea degli eritrei: «Noi, picchiati con spranghe» Paolo Lambruschi. 22 dicembre 2010 . Per la prima volta parla uno degli eritrei sopravvissuti ai mercanti di uomini del Sinai. Il suo riscatto è stato pagato dal fratello, lui racconta come è finito e cosa accade nelle prigioni dei predoni. Un racconto dove si riscontrano impressionanti analogie con quelli dei 250 eritrei, 80 dei quali provenienti dalla Libia, catturati un mese fa.
Tre mesi fa Adam, 22 anni, era prigioniero dei trafficanti di esseri umani. C’è rimasto quasi un mese, incatenato e trattato come una bestia, prima che il fratello maggiore Michele pagasse per liberarlo da un lurido container interrato, a pochi chilometri dal confine tra Egitto e Israele. Michele, che da un paio d’anni vive in Toscana e che aveva chiesto aiuto alla Caritas diocesana fiorentina per mettere insieme i soldi del riscatto, ci ha raccontato cinque giorni fa l’odissea di Adam, rapito dai predoni ai primi di settembre e liberato il 28 dello stesso mese. Una testimonianza importante perché ha smentito il governo egiziano, arrivato a negare perfino l’esistenza degli eritrei prigionieri.
Un’ulteriore conferma che in questo angolo del pianeta fiorisce un immondo mercato sulla pelle dei migranti provenienti dal Corno d’Africa e diretti in Israele. Un affare da milioni di dollari in mano a un racket organizzato e capace di gestire sequestri e riscatti su scala internazionale. Costituito, per quanto siamo riusciti a ricostruire, da una rete di clan beduini che una volta commerciava gli schiavi, i Rashaida, ramificata nel nordest dell’Africa come nel deserto del Sinai, protetta dalle polizie corrotte di diversi Stati e affiancata da complici tigrini che attirano in trappola i migranti impegnati a raggiungere lo stato ebraico dalla Libia o dalla vecchia rotta che attraversa Sudan ed Egitto. Ieri siamo riusciti a rintracciare Adam in Israele e lui ha accettato di rivivere con noi quei terribili momenti che definisce «my trouble in Sina», il mio problema nel Sinai. Adam oggi vive in un campo per richiedenti asilo in Israele e svolge illegalmente lavoretti saltuari per sopravvivere. Si sta riprendendo dagli stenti patiti durante il rapimento. Il patto è nomi di fantasia e indicazioni topografiche essenziali, per non far correre rischi alle famiglie in Eritrea.
Quando è cominciato il tuo viaggio verso Israele?
Sono partito dall’Eritrea a fine agosto. Vengo da un villaggio alla periferia dell’Asmara. Mio fratello Michele per farmi emigrare ha pagato tremila dollari a un passatore eritreo che vive a Khartoum, in Sudan. Si chiama Mshgna.
Chi ti ha aiutato a uscire dall’Eritrea? I Rashaida. Hanno in mano loro i traffici tra Eritrea e Sudan. Mi hanno portato in un loro accampamento a Kassala. Il giorno dopo è cominciato il viaggio verso il Sinai, sempre con i Rashaida, su piccoli pullman. Ogni vettura trasportava 16 persone. La nostra carovana era composta da cinque pullman. Quindi eravate in tutto 80 persone. Tutti eritrei? Si e ciascuno di noi ha pagato a Mshgna tremila dollari. Il quale ha intascato 240 mila dollari per il vostro trasporto. E durante il viaggio cosa è accaduto?
Tutto liscio fino al Sinai. Ma nel deserto, vicino ad Israele, i Rashaida ci hanno consegnato ad altri beduini. Pensavamo di essere arrivati e di percorrere l’ultimo tratto a piedi per passare il confine. Invece Mshgna ci ha venduti. Un gruppo di uomini armati ci ha messo in colonna e ci ha preso portafogli e documenti. Ci hanno lasciato solo il cellulare, dicendoci di usarlo per chiamare parenti e amici in Eritrea e in tutto il mondo. Se volevano rivederci vivi, dovevano pagare settemila dollari. Poi ci hanno messo le catene ai piedi, che mi hanno tolto solo quando mi hanno liberato, e ci hanno chiuso in un grande container interrato. Quanti eravate dentro? Eravamo circa 70. I container erano tre. In tutto eravamo circa 200. Dunque il vostro valore per i rapitori ammontava a quasi un milione mezzo di dollari. Come vi hanno trattati?
Come bestie, con crudeltà. Ogni giorno venivamo picchiati a caso con sbarre di ferro e minacciati. Dicevano che se non veniva pagato il riscatto ci avrebbero tagliato la testa e tolto gli organi per venderli al mercato nero. Ci hanno dato poco cibo e potevamo uscire solo a piccoli gruppi di sera, sempre sorvegliati. Alle donne è toccato il peggio, sono state stuprate anche se erano lì con fratelli e mariti.
Hai capito dove eravate?
No, ma abbastanza vicini al confine. Siamo stati liberati in otto perché era stato pagato il riscatto e abbiamo camminato meno di un’ora per superare il confine. La polizia non l’ho mai vista.
Che fine hanno fatto i tuoi compagni di prigionia?
Non lo so. Chi ha detto di non poter pagare è sparito. Nella comunità dei profughi Eritrei in Israele girano storie terribili su quanto sta succedendo nel nord del Sinai.
«Mio cugino ostaggio tra gli eritrei. Vi racconto il ricatto» Paolo Lambruschi
18 dicembre 2010. Il testimone da quasi un mese non riesce più a dormire per la disperazione. Nella lingua con la quale comunichiamo, un misto di i­taliano e inglese, mi parla di « big, big problem »,un problema grandissimo, trovare in fretta i soldi per liberare il cugino, uno dei 250 eritrei « jailed in Sinai», prigionieri nel Sinai. Uno dei 250 ostaggi dei quali, secondo il go­verno del Cairo, non c’è traccia. L’accordo per poter effettuare la con­versazione è non rivelare il vero no­me del testimone, un rifugiato eri­treo in possesso di regolare permes­so di asilo che vive e lavora da anni a Genova. Non vuo­le infatti far correre rischi ai parenti nel­la sua terra, giù nel Corno d’Africa. Lo chiameremo E­zechiele. Circa quat­tro settimane fa ha ricevuto una telefo­nata dal cugino R., 25 anni, che era scappato attraverso il Sahara in Libia nel 2009. Da lì progetta­va di raggiungere l’I­talia e chiedere asi­lo. Ma dopo giugno non è stato più possibile raggiungere le coste della Penisola via mare, anche chi avreb­be diritto a venire accolto come ri­fugiato viene respinto verso Tripoli, il cui governo non distingue tra irre­golari e migranti in fuga dall’op­pressione politica. Questo ha cam­biato piani e rotte di molti dispera­ti, i quali si sono orientati verso la frontiera del Sinai. «R. mi aveva comunicato – raccon­ta Ezechiele – a settembre che, con altri compagni di viaggio, circa una ottantina tra uomini e donne, pro­gettava di fuggire da Tripoli al Cairo e poi da lì raggiungere, attraverso il confine del Sinai, lo stato d’Israele. In Libia era inutile restare, rischia­vano di venire nuovamente incarce­rati, come a giugno». Ma quel viaggio, come ci ha raccontato dal 24 no­vembre il sacerdote cattolico eritreo Mosè Zerai, è diventato una trappo­la infernale. «ll gruppo di R. – conferma Ezechie­le – è finito nelle mani di una banda di trafficanti. Quasi un mese fa mi ha chiamato dicendo che aveva pa­gato duemila dollari per il viaggio, ma nel deserto è stato abbandona­to e derubato di tutto dai banditi. Gli hanno lasciato solo il telefono. Poi mi ha passato uno dei rapitori, che mi ha chiesto un riscatto di ottomi­la dollari se volevo rivedere vivo mio cugino». Da allora le telefonate so­no diventate uno stillicidio quasi quotidiano. «Mi fanno uno squillo e devo ri­chiamare il numero sul display subito dopo. Risponde R., che mi dice di non potersi muovere perché è in catene e che viene torturato. Mi passa un carce­riere. È un arabo, mi ripete che devo tro­vare il denaro e che il tempo sta scaden­do. Non so quanti siano i prigionieri. Secondo mio cugino, più di 200». Le modalità di pagamento sono pre­cise, i soldi andranno mandati via money transfer a una persona che verrà indicata dalla gang. «Ma io quei soldi non li ho proprio – conclude con voce rassegnata Eze­chiele – e non so come trovarli. So­no disperato. L’ho detto anche a R. e lui mi ha dato il numero di telefono di Mosè Zerai, il prete cattolico, di­cendomi che lui sta cercando di sal­vare gli ostaggi». Un’altra testimonianza che confer­ma la tragedia in corso in queste o­re nel Sinai, dove un racket interna­zionale di trafficanti di esseri uma­ni può rapire, torturare e violentare centinaia di persone indisturbato. Un’altra testimonianza che chiede una risposta al governo del Cairo. Un giovane eritreo prigioniero. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] Il popolo dei senza nome chiama un sussulto di umanità. Marco Impagliazzo. 17 dicembre 2010. Non diminuisce la preoccupa-zione per il destino dei profughi eritrei ostaggio delle bande di predoni nel deserto del Sinai. È da tempo che Avvenire segnala questa tragica situazione. Si tratta di famiglie inermi, vittime del traffico di esseri umani divenuto una vera emergenza internazionale. Il Parlamento europeo proprio ieri ha approvato una risoluzione in cui si sollecita, seppur timidamente, un intervento a favore degli ostaggi e la fine del dramma che continua a consumarsi di fronte all’indifferenza degli Stati. Anche la Commissione Europea si è espressa. Ma serve ancora di più. Ci chiediamo: è possibile che con tutta la forza della relazione che il nostro Paese ha con l’Egitto (ricordiamolo: invito al G8, scambi continui, visite, accordi commerciali) non si riesca a ottenere un intervento umanitario per liberare gli eritrei intrappolati nel deserto? Vi sono zone grigie nel mondo, come il Sinai, dove un conflitto irrisolto o un interesse strategico, ha lasciato spazi vuoti, dove non si applica alcuna legge, e nei quali persone in trappola vengono dimenticate. Esistono in diversi continenti, anche nelle nostre città: un universo parallelo in cui si perdono o sopravvivono gli "invisibili", profughi senza diritti, emigrati, gente che fugge. Ci sono pieghe e angoli bui in cui sopravvive un popolo di poveri, abbandonati, persone in fuga, senza contatti esterni. Sono i barboni che ogni tanto incontriamo lungo le nostre strade, nel freddo intenso di questi giorni, come Saidou Gadiaga, il senegalese di 36 anni morto di asma domenica mattina nella cella di una caserma a Brescia. Il messaggio del Natale, "non c’era posto per loro", sembra la cifra del nostro tempo, distratto e incattivito. La regola sembra una sola: "vivere per se stessi". I profughi raccolti senza vita sulle spiagge australiane dimostrano che in tante parti del mondo c’è un popolo in fuga di senza nome, senza padrini né manifesti identitari da esibire. Di fronte a tali tragedie, che si verificano a tutte le latitudini, manca un sussulto di umanità e una politica capace di affrontare un fenomeno epocale, ma da almeno due decenni davanti ai nostri occhi. Eppure queste persone offrono alle nostre società un’opportunità da non perdere. Sappiamo che il calo demografico europeo richiede l’apporto di nuovi afflussi. Cosa sarebbero le nostre famiglie senza badanti? Gli ultimi dati dimostrano che è iniziato un trend discendente. Il fenomeno migratorio a livello planetario va verso una stabilizzazione. Secondo alcuni studi i flussi dai Paesi poveri subiranno una graduale riduzione fino a scomparire entro il 2050. È solo uno degli scenari possibili ma sicuramente non è una buona notizia per economie fortemente dipendenti dal contributo dei cittadini immigrati. In Europa, e questo è un dato vero, i flussi di ingresso negli ultimi tre anni hanno subito una flessione. Mentre la politica fa fatica a trovare soluzioni che semplifichino i processi di integrazione, vediamo approssimarsi una svolta: il lavoro degli immigrati non sarà una risorsa inesauribile. In Italia si fa già fatica a trovare immigrati per il servizio alla persona. Oggi gli stranieri nel nostro Paese ripopolano luoghi abbandonati, ridanno vita a centri che rischiavano di essere cancellati dalle cartine geografiche e, in molti casi, tengono aperte le scuole elementari che rischierebbero altrimenti di chiudere per mancanza di alunni. Il Natale ci parla di un bambino che non ha trovato posto per nascere. È una storia che si ripete anche oggi in società ricche. Ma perché avere paura di un bambino?. Il senso dell’umanità ci suggerisce di dargli un futuro e non di respingerlo. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] La Ue in campo: salvare subito i profughi eritrei. Gianluca Cazzaniga. 17 dicembre 2010. Alla fine l’Europa è scesa in campo. E per la drammatica vicenda dei profughi eritrei, ha fissato la sua parola definitiva: vanno liberati, subito. Gli eurodeputati hanno approvato ieri la risoluzione a lungo dibattuta negli ultimi giorni, accogliendo il testo della mozione che era stata presentata dal Partito popolare. Con l’approvazione di un emendamento orale, proposto in aula dall’onorevole Carlo Casini, che ha fatto la differenza. «Il Parlamento europeo – cita il testo, accolto dall’assemblea e inserito nella risoluzione – sollecita le autorità egiziane a prendere tutte le misure necessarie per assicurarsi della liberazione degli eritrei tenuti in ostaggio». Con una raccomandazione, che la dice lunga sui metodi che d’ora in poi dovranno essere utilizzati nella zona “rossa” del Sinai secondo l’Europa : evitando, cioè, «l’uso di metodi repressivi e violenti contro gli immigrati clandestini che attraversano i confini del Paese». Ma c’è anche di più, nel documento approvato ieri a Strasburgo, che pure sottolinea l’impegno del governo del Cairo negli ultimi anni nella tutela dei diritti umani, anche sulla base dei numerosi trattati internazionali sottoscritti dal Paese (uno su tutti, la Convenzione sui rifugiati del 1951): sempre nell’emendamento di Casini, infatti, si sottolinea come l’Egitto «dovrebbe proteggere la dignità dei profughi e la loro integrità fisica e psicologica, garantendo che tutti quelli che si trovano in stato di detenzione nel Paese possano entrare in contatto con l’Acnur (l’Alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati, ndr), permettendo a quest’ultimo di incontrare tutti i richiedenti asilo che si trovano in custodia dello Stato». Una risposta chiara, dunque, a quanto avvenuto negli ultimi giorni, e alle stesse dichiarazioni delle autorità del Cairo, che se in un primo momento avevano dichiarato di essersi attivate per la mediazione coi capi tribù beduini affinché liberassero gli ostaggi eritrei, avevano poi ribaltato la loro posizione, prima accusando i Paesi che avevano respinto i profughi d’essere responsabili per l’accaduto, poi sostenendo addirittura (contro ogni evidenza, e contro il parere stesso d’Israele) che la notizia del sequestro fosse stata montata ad arte per istigare l’opinione pubblica contro il governo. La maggioranza degli eurodeputati presenti in aula ieri pomeriggio ha premiato il testo presentato dal gruppo dei popolari a scapito della proposta di risoluzione comune avanzata dal «cartello» di cui fanno parte socialisti (Pse), liberali (Alde), Sinistra unita (Gue) e verdi. Il testo comune presentato dai quattro gruppi è stato votato per primo dall’assemblea, come vuole la procedura. Risultato: 31 voti favorevoli e altrettanti contrari. Un pareggio che, secondo le regole, equivale a una sconfitta. Poi gli europarlamentari hanno vagliato la proposta dei popolari, che è passata con 36 sì contro 14 no, e con l’approvazione decisiva dell’emendamento orale di Casini. Respinto, invece un altro emendamento, proposto stavolta dall’eurodeputato David Sassoli, capo delegazione del Partito democratico: invitava gli Stati membri ad affrontare l’emergenza umanitaria mediante il re-insediamento volontario in Europa di tutti i richiedenti asilo coinvolti in questa crisi. Soddisfatti i popolari Carlo Casini e Mario Mauro: «In modo serio ed equilibrato – ha spiegato il primo – e senza trasformare questo voto in un attacco ad uno Stato, abbiamo chiesto di provvedere ad azioni immediate per liberare gli ostaggi svolgendo anche un’azione di sorveglianza a carattere permanente, senza ricorrere ad uccisioni e a metodi violenti». «Con questa risoluzione – ha poi aggiunto Mauro, da cui è partita l’iniziativa della risoluzione per il Ppe – la nostra assemblea fa sentire la propria voce in difesa di questi profughi chiedendone la liberazione immediata e la fine delle torture che stanno subendo». C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] «Ho pagato per salvare mio fratello dai predoni» Paolo Lambruschi. 17 dicembre 2010. Arriva da Firenze la prova, se ce n’era bisogno, che nel Sinai è in atto un orrendo e florido mercato di esseri umani. Dalla Toscana arriva la testimonianza di un rifugiato eritreo, cui da tempo il nostro Paese ha concesso asilo politico, il quale ha dovuto riscattare tre mesi fa la vita di suo fratello. Un testimone che smentisce in pieno le dichiarazioni del governo egiziano, secondo il quale non v’è traccia dei 250 eritrei ostaggio dei banditi nel deserto al confine con Israele. E conferma invece l’esistenza e le spietate modalità di azione di un racket internazionale che, chiedendo 10 mila dollari per risparmiare un ostaggio, sta lucrando milioni di dollari sulla pelle di centinaia di disperati. Non possiamo divulgare i veri nomi dei protagonisti per non mettere in pericolo i loro famigliari in Eritrea. Le istituzioni che ci hanno messo in contatto con il testimone, che chiameremo Michele, sono la Caritas italiana e la Caritas della diocesi fiorentina. Ai primi di settembre l’operatrice della Caritas di Firenze Elsa Dini riceve un’inusuale richiesta d’aiuto da parte dei Comboniani. Michele, che la congregazione ha aiutato a inserirsi, deve pagare settemila dollari a una banda di predoni egiziani per liberare suo fratello prigioniero nel Sinai. «All’inizio - spiega Elsa Dini - Michele mi raccontò che suo fratello Adam, 22 anni, era fuggito dall’Eritrea attraverso il Sudan. Dall’Italia aveva pagato tremila dollari a un passatore eritreo perché lo portasse in Israele, ma una volta in Egitto il giovane era stato catturato. Se non venivano versati altri settemila dollari, sarebbe stato ucciso. Subito contattai la Caritas egiziana. La quale mi disse che avevano già affrontato casi simili e c’era speranza di farlo rilasciare solo se era nelle mani della polizia. Se invece l’avevano preso i predoni l’unica era pagare il riscatto».
Lasciamo proseguire Michele.
Adam voleva fuggire dall’Eritrea e raggiungere l’Europa. Ma dopo l’estate non era più possibile arrivare in Libia e da lì attraversare il Mediterraneo verso l’Italia. Ora tutti dal Corno d’Africa puntano a raggiungere Israele passando dalla vecchia rotta del Sudan. Nello stato ebraico puoi ottenere un permesso come rifugiato e passare in Europa». Alla fine dello scorso agosto Michele contatta un eritreo che vive a Khartoum, la capitale sudanese. «Alcuni conoscenti mi diedero il cellulare di questo tale, Mshgna. Concludemmo un accordo: se versavo tremila dollari avrebbe raccolto mio fratello fuori dal confine tra Eritrea e Sudan e lo avrebbe condotto in un campo alle porte di Kassala. Da lì sarebbe partito su un camion con un altro gruppo di profughi e in una settimana avrebbe raggiunto Israele».
Adam passa la frontiera il primo settembre e raggiunge il campo vicino alla città sudanese. Quindi varca il confine egiziano, dopo di che di si perdono le sue tracce. «Chiamavo Mshgna, gli chiedevo che fine aveva fatto mio fratello. Lui mi rispondeva di star tranquillo» Ma il 7 settembre Adam si fa vivo con una telefonata drammatica.

«Mi disse con voce terrorizzata che era stato abbandonato nel Sinai nelle mani di un gruppo di arabi egiziani. Lo avevano rinchiuso con altre 90 persone in una casa. Li tenevano incatenati e li picchiavano. Gli avevano portato via tutto, avevano lasciato solo i cellulari per chiamare i parenti. E se non avessi pagato 7000 dollari minacciavano di tagliargli la testa e di espiantargli gli organi per venderli». In preda al panico Michele si rivolge ai Comboniani e alla Caritas. «Chiamai Mshgna e gli urlai che mi aveva ingannato. Mi disse che non c’entrava nulla, ma mi consigliava di pagare, se ci tenevo a mio fratello. Che intanto mi telefonava ogni giorno. Faceva uno squillo ed io dovevo richiamare. Si lamentava di venire torturato. Mi raccontò che vicino c’erano altre due costruzioni dove in tutto stavano almeno 250 prigionieri. Chi non poteva pagare veniva fatto sparire. C’erano anche donne, umiliate e violentate. Non so in quale località si trovasse, ma quando ho pagato il riscatto, ho capito che era abbastanza vicina al confine israeliano». Michele raccoglie soldi nella diaspora eritrea. Infine chiede alla famiglia in patria di vendere terreni e bestiame. «Quando ho raccolto settemila dollari, ho chiamato i rapitori. Per il pagamento abbiamo concordato di consegnare i soldi a un certo Daniel. Ho versato il danaro a un mio parente in Israele. Si è presentato lui il 28 settembre all’appuntamento alla frontiera con la somma. Allora Daniel ha telefonato per dare il via libera e, dopo poco tempo, è arrivato Adam, malconcio, ma vivo. È andato in ospedale e da lì in campo profughi». Ecco cosa accadeva a settembre nel Sinai, altro che montature mediatiche. Neppure due mesi dopo, don Mosè Zerai riceveva la prima telefonata dagli eritrei provenienti dalla Libia. Avevano versato duemila dollari per il viaggio verso Israele. Per liberarli, i trafficanti ne chiedevano altri ottomila Identica dunque la somma totale chiesta, diecimila dollari. E identiche le minacce, le violenze e le torture praticate, le modalità di detenzione e il numero di ostaggi, 250 circa. Davvero tante le coincidenze in questa storia. Resta da capire quanto è grande questo racket e chi lo copre. E dove siano finite le persone sequestrate a settembre, se tra gli ostaggi che in contatto con il sacerdote eritreo, che sono a Rafah prigionieri del predone Abu Khaled, o in altre mani. Oppure se è stata mantenuta la minaccia di ucciderli ed espiantare loro gli organi. Magari il governo del Cairo ora sarà in grado di ammettere l’evidenza e dare alla comunità internazionale e all’opinione pubblica qualche risposta. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] Profughi eritrei nel Sinai: si mobilita il Parlamento Ue. Ilaria Sesana. 13 dicembre 2010. Il Parlamento europeo voterà giovedì, su proposta del capodelegazione Pdl Mario Mauro, una risoluzione urgente sulla drammatica situazione dei 250 eritrei tenuti in ostaggio da diverse settimane nel deserto del Sinai. "Il Parlamento deve chiedere subito all'Ue di intensificare le pressioni sul governo egiziano per salvare queste vite - ha detto Mauro - perché non possiamo tollerare che una banda di trafficanti di esseri umani possa tenere in ostaggio, torturare e uccidere donne incinta e bambini". "Profonda preoccupazione" per la sorte dei 250 profughi eritrei ostaggio di una banda di predoni nel deserto del Sinai è stata espressa anche dai due vicepresidenti italiani dell'Europarlamento, Gianni Pittella (Pd) e Roberta Angelilli (Pdl). "Da varie settimane - si legge in una nota - ci sono uomini,donne e bambini che vivono in condizioni inumane, subendo ogni tipo di tortura e violenza. Temiamo per la loro vita e per il loro destino, perchè queste persone rischiano di divenire vittime del traffico di organi, della prostituzione e dei lavori forzati". "In Egitto si sta consumando una grave violazione dei diritti umani - continuano - e la comunità internazionale e l'Unione Europea non possono rimanere indifferenti davanti a una simile tragedia. Chiediamo che l'Alto Rappresentante per la politica estera della UE, intervenga immediatamente perche sia posto fine al calvario di queste persone indifese". L'UCCISIONE DI DUE DIACONI. Continua la tragedia dei profughi eritrei nel deserto del Sinai. Altri due giovani sono stati uccisi ieri dai trafficanti che da quasi un mese li tengono imprigionati e in catene. Un duplice omicidio che porta ad otto la tragica conta da quando questi poveretti sono finiti nelle mani dei predoni. A dare la notizia don Mussie Zerai. «Avevano meno di trent’anni ed erano due diaconi della chiesa ortodossa che animavano e guidavano nella preghiera il gruppo dei prigionieri - spiega il direttore dell’agenzia Habeshia-. Già qualche giorno fa i predoni avevano strappato le loro Bibbie. Erano visti un po’ come gli animatori del gruppo e li hanno accusati di aver lanciato l’allarme». Nemmeno tra le associazioni che da settimane tengono i contatti con il gruppo dei profughi si sapeva che ci fossero due diaconi tra i prigionieri. Anche se, nella chiesa ortodossa eritrea, si definisce diacono non solo chi ha ricevuto l’ordinazione, ma anche i semplici animatori che guidano la comunità nella preghiera.

Dopo le catene e le botte, gli stupri subiti dalle donne e le privazioni di un mese di prigionia ieri si è consumata l’ennesima tragedia. L’accusa ai due giovani, la brutale esecuzione di fronte a tutti gli e nuove violenze. Una tragedia cui si aggiungono le menzogne delle autorità locali che negano la presenza di questi ostaggi nel loro territorio. «Li hanno picchiati selvaggiamente, accanendosi in cinque su una sola persona. Alcuni sono quasi in fin di vita - racconta con voce rotta don Mussie -. Il ragazzo con cui di solito sono in contatto è stato picchiato così duramente da non riuscire nemmeno a parlare».

A quel punto è stata una giovane a prendere in mano il cellulare e aggiungere agghiaccianti particolari: da qualche giorno gli aguzzini non danno più nemmeno l’acqua ai loro prigionieri che sono costretti a bere le proprie urine per sopravvivere. «Lei continuava a piangere: sono stati picchiati sulla pianta del piede per costringerli a telefonare nuovamente ai loro parenti per chiedere aiuto conclude don Mussie. Ogni volta sentirli è uno strazio». La situazione precipita di ora in ora, dopo il cauto ottimismo di qualche giorno fa. Si sono persi anche i contatti con il gruppo formato da circa un centinaio di profughi che venerdì è stato prelevato dalla prigione di Rafah e trasferito non si sa dove. «Non riusciamo a contattarli telefonicamente e non sappiamo dove li abbiano portati spiega Roberto Malini, co-presidente del Gruppo EveryOne. Il nostro timore è che Abu Khaled, il trafficante che fin dall’inizio ha avuto in mano i 250 profughi africani, li abbia rivenduti ad altri predoni». Ma l’angoscia più grande, che pesa sul cuore di chi sta lottando per salvare queste persone, è che i profughi possano sparire nel nulla, vittime dello spietato traffico clandestino degli organi. L’attenzione mediatica che in queste settimane si è concentrata sul Sinai probabilmente infastidisce Abu Khaled e i suoi complici, sebbene possano contare su una vasta rete di supporto nella città di Rafah e, probabilmente, anche della complicità della polizia locale. «Non è possibile che centinaia di persone possano essere imprigionate in una città come Rafah che conta poco meno di 70mila abitanti, dove ci sono persino un carcere e una stazione di polizia. In una delle aree più militarizzate del Medioriente, a pochi chilometri dalla frontiera con Israele», aggiunge Malini. Eppure il governo egiziano (il solo che potrebbe agire concretamente per risolvere la situazione) continua a tentennare. Voci disperate che nessuno sembra voler ascoltare. "È una cosa assurda. Non si può più aspettare i tempi delle diplomazie, perché la gente sta morendo di fame e di sete - si tormenta don Mussie -. Quella che sta accadendo è una vera e propria barbarie: chiediamo che la comunità internazionale condanni tutto ciò e che richiami il governo egiziano a intervenire con decisione».
"Quello che sta succedendo è orribile", conclude Roberto Malini che, assieme a Matteo Pegoraro e Dario Picciau, co-presidenti del Gruppo EveryOne, sta lavorando in queste ore per ottenere le necessarie autorizzazioni per raggiungere Rafah. «Speriamo di poter partire già martedì o mercoledì spiega. Da lì, probabilmente, potremo intervenire con maggiore efficacia». Ilaria Sesana. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] Quei banditi, mortalmente «utili» Elogio del predone. Marina Corradi. 10 dicembre 2010. Dunque di quel gruppo di prigionieri nel Sinai si sanno ormai molte cose. Si sa, riferiscono il prete e le organizzazioni umanitarie che testardamente ne inseguono i destini, in quale luogo del deserto sono; si sa chi sono i trafficanti che li tengono in catene, e ne hanno già ammazzati sei. Profughi e migranti – tra cui donne incinte e bambini – bloccati e incarcerati in Libia, poi fuggiti e risospinti verso l’ultima speranza, la frontiera di Israele, prima di cadere nelle mani dei predoni. E mentre si sa tutto questo, quelli là restano prigionieri. Allora sorge un dubbio. Sgradevole, forse non oggettivamente dimostrabile, tuttavia affiora. Che, cioè, queste bande che rastrellano disperati alle spalle della Libia siano, certo, banditi, pirati, capitribù senza più legge né morale; e tuttavia che la loro attività non sia combattuta con tutta l’efficacia di cui, ne siamo sicuri, le polizie di quella regione sono, all’occorrenza, capaci. Il dubbio, inoltre, che quella barriera nei deserti, mobile ma pronta e rapace a cogliere il passaggio di nuove vittime, in fondo sia tacitamente funzionale agli interessi di molti. Dei Paesi da cui profughi e migranti fuggono, come deterrente ad avventurarsi in un ancora più incerto destino. Di quelli che si affacciano dall’Africa sul Mediterraneo, e vogliono arginare la pressione sui loro confini. E anche nostra, dei Paesi di primo approdo dell’onda; nonché del resto di una Europa poco incline a farsi carico dell’onere di migranti, non pochi dei quali hanno diritto, secondo tutte le convenzioni, all’asilo.Anche la sostanziale indifferenza con cui giornali e tv assistono a questa odissea aumenta il dubbio. Si scende giustamente in piazza per Sakineh, e quei sei già ammazzati come cani dai trafficanti? E quei 250, e gli altri, come schiavi nell’anno 2010, alle stesse latitudini in cui noi europei cerchiamo il sole, in inverno? Che cosa manca al dramma dei profughi del Sinai, che cosa non è appealing secondo i nostri canoni mediatici? Forse il non vedere, non avere immagini di quell’angolo di deserto? Ma il dubbio è anche più radicale. Il dubbio che quelle masse, ai nostri occhi indefinite, in fuga dalla guerra o dalla miseria, agli europei, agli italiani non interessino. Che non ci appaiono del tutto uomini, ma numeri, grandi numeri che premono per sedersi alla nostra tavola, forse non imbandita, ma a cui pure si mangia. Pelli scure, lingue incomprensibili, bocche affamate: non abbiamo voglia di ascoltare le loro oscure odissee. Il Mediterraneo come una diga, come un argine al di sotto del quale sobbolle un altro mondo; le convenzioni, i diritti dell’uomo che tanto amiamo ripetere? Parole vuote, lì sotto. Non sappiamo, e non vogliamo sapere; in tempi poi di quasi, forse, elezioni, a chi porterebbe voti sostenere la causa di un manipolo di profughi, in un’Italia già dell’immigrazione insofferente? Allora, forse, quelle bande predone nel Sinai svolgono una primitiva ma efficace funzione di mantenimento di equilibri. Scoraggiano i più audaci o disperati, aiutano le polizie locali in un’azione di deterrenza tanto più forte quanto clandestina; bilanciano, con la loro eco di paura e di morte, le promesse che il Terzo Mondo vede nelle immagini delle tv occidentali. Sopra la diga, da noi, ci si può compiacere che il flusso di «clandestini» sia calato. L’Europa può evitare di affrontare organicamente la questione di chi irregolarmente fugge da persecuzione e guerra. Elogio del predone: tiene sotto controllo una pressione altrimenti difficilmente arginabile. Mantiene una sorta di ecosistema. Con mezzi barbarici. Che però non vediamo, e quindi possiamo quasi ignorare. Possiamo non pensare a quei prigionieri scacciati e braccati. A quelle donne, tra loro, con un bambino nel ventre. Che aspetta di nascere, ultimo degli ultimi; come quell’altro, ricordate, che nacque, quasi da quelle stesse parti, due millenni fa, a Natale. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
[ drammatico appello ai BOIA: SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita, Benjamin Netanyahu, Abd al-Fattah Khalil al-Sisi, Abd Allah II di Giordania, IN RELAZIONE A CHE COSA, VOI PENSATE DI TROVARE MISERICORDIA? ] Prigionieri eritrei,
si muovono gli 007 egiziani. 8 dicembre 2010. L’Egitto si muove per la liberazione dei profughi eritrei in ostaggio in Sinai. I servizi di sicurezza egiziani stanno trattando con i capi tribù della regione al confine con Israele, per ottenere il rilascio delle centinaia di persone brutalizzate dai rapitori, che per la liberazione ora chiedono alle famiglie 8 mila dollari per ciascuno. A Roma, quasi due settimane dopo la prima denuncia del 25 novembre scorso su "Avvenire" (seguita, nei giorni successivi, da altri sette grandi titoli in prima pagina), parlamentari di diversi schieramenti premono sull’Unione europea perché promuova una evacuazione umanitaria e dia asilo ai profughi. Per l’Unhcr la situazione è anche frutto della politica italiana dei respingimenti. Ma il sottosegretario agli Esteri Stefania Craxi puntualizza: «La Farnesina si sta occupando della vicenda, come per ogni caso umanitario, attraverso i canali bilaterali e multilaterali nel rispetto della sovranità dell’Egitto. Ci siamo mossi anche su Bruxelles. Ma non è una questione che riguarda il governo italiano: usciamo da questo equivoco, non sono profughi dal nostro territorio. Non è il governo italiano – sottolinea – che può e deve risolvere la vicenda». A quanto riferisce l’Ansa, i servizi egiziani stanno trattando con le autorità tribali della zona. Insieme ai 250 eritrei ci sono circa altri 300 africani. Il gruppo degli eritrei sarebbe in mano ad un solo trafficante in una zona ancora non localizzata. Ma gli ostaggi in totale sarebbero circa 1.500 provenienti da Sudan, Etiopia, Guinea e Nigeria, detenuti nella zona attorno ad El Hassnah, al centro del Sinai, ma anche a sud di Rafah, pochi chilometri dal confine con Israele, meta cui puntavano i profughi in fuga dalla Libia, vista l’impossibilità di uno sbarco in Europa. Le fonti egiziane confermano che i migranti sono spesso usati dai sequestratori per l’espianto di organi. «I beduini sono armati fino ai denti», spiega don Mosé Zerai. Il sacerdote eritreo che sta tenendo i contatti con alcuni ostaggi ha partecipato alla conferenza al Senato organizzata dal presidente dell’Associazione "A buon diritto" Luigi Manconi, cui sono intervenuti tra gli altri per il Pd Livia Turco e Jean Leonard Touadì e i radicali Matteo Mecacci e Rita Bernardini, per Fli Benedetto Della Vedova e per l’Udc Paola Binetti e Savino Pezzotta. Proprio da Pezzotta, che è anche presidente del Cir, viene la proposta di un appello trasversale dei parlamentari all’Ue. «I rapitori – spiega don Zerai – invitano gli ostaggi a chiamare i familiari per il riscatto». Un giovane di 26 anni ieri gli raccontava di come la situazione stesse precipitando: «Hanno ricominciato a picchiarci – ha raccontato l’ostaggio – e siamo pieni di piaghe per le percosse. Tra di noi ci sono donne incinte e bambini piccoli. Non ci laviamo da un mese, viviamo nella spazzatura. Fate presto, fate qualcosa». Il direttore del Consiglio italiano dei rifugiati (Cir) Cristopher Hein spiega che «sono trafficanti di droga e di armi verso Gaza. Israele ora è una meta per i profughi. Le politiche europee di respingimento dell’immigrazione irregolare impediscono anche a loro di cercare scampo dalle guerre. Israele sta costruendo un muro di 110 chilometri sul confine con l’Egitto. I soldati hanno l’ordine impedire fisicamente il passaggio: eritrei e somali sono morti così». Per Laura Boldrini, portavoce dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unchr), «l’Italia ha una corresponsabilità» nella vicenda: la politica dei respingimenti verso la Libia contro l’immigrazione irregolare iniziata a maggio 2009 «ha impedito di fatto la fruibilità del diritto di asilo, sancito dalla Costituzione e dalla Convenzione di Ginevra». Manconi cita i dati relativi alle domande del 2008: «A Lampedusa il 74% faceva domanda di asilo e oltre la metà veniva accolta dell’Italia». Don Zerai conferma: «Un centinaio tra gli ostaggi sono i profughi respinti dall’Italia. Fui io, a giugno 2009, a ricevere l’appello degli eritrei in mare. Lanciai l’allarme alle autorità italiane: aspettarono tre giorni in mare, poi una vedetta italiana li riportò in Libia». Racconta Mecacci, radicale del Pd: «All’epoca il sottosegretario Nitto Palma ci assicurò che tra gli 800 respinti nessuno aveva chiesto l’asilo». Ancora don Zerai ha riferito che tra i giovani eritrei serpeggia il timore di essere trasferiti altrove. Continuano i maltrattamenti e le percosse, e le richieste di denaro da parte dei rapitori. I ragazzi hanno appreso da don Zerai dei contatti tra i capi tribù del Sinai e i servizi di sicurezza egiziani, per arrivare a un rilascio. Il sacerdote è scettico sull'idea che il governo egiziano non sappia dove sono i prigionieri: «Se sanno che sono in mano di un unico trafficante di esseri umani, e se uno dei nomi di località che ha fatto il governo, Rafah, coincide con quello che raccontano i prigionieri come si fa a dire che non li hanno ancora localizzati?». C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] Eritrei, l'appello del Papa. Pagata una parte del riscatto. Ilaria Sesana. 7 dicembre 2010. Domenica all’Angelus, Benedetto XVI ha levato la sua voce a favore dei profughi provenienti dall’Eritrea e dei loro compagni di sventura, ancora prigionieri di spietati trafficanti di uomini (così come ha invocato attenzione per i cristiani e i musulmani iracheni e per i fedeli copti egiziani). L’appello e la preghiera del Papa vengono a rompere con il fragore della parola più autorevole la cortina di silenzio che ha avvolto finora la vicenda dei migranti respinti, arrestati e ricattati. Il Santo Padre, affacciandosi davanti ai fedeli raccolti in piazza San Pietro e parlando a tutti coloro che lo seguivano via radio, tv e Internet, «in questo tempo di Avvento, in cui siamo chiamati ad alimentare la nostra attesa del Signore e ad accoglierlo in mezzo a noi», ha invitato «a pregare per tutte le situazioni di violenza, di intolleranza, di sofferenza che ci sono nel mondo, affinché la venuta di Gesù porti consolazione, riconciliazione e pace». Benedetto XVI ha poi elencato i gruppi che attualmente più sono colpiti. «Penso alle tante situazioni difficili, come i continui attentati che si verificano in Iraq contro cristiani e musulmani, agli scontri in Egitto in cui vi sono stati morti e feriti, alle vittime di trafficanti e di criminali, come il dramma degli ostaggi eritrei e di altre nazionalità, nel deserto del Sinai». «Il rispetto dei diritti di tutti – ha sottolineato il Pontefice – è il presupposto per la civile convivenza. La nostra preghiera al Signore e la nostra solidarietà possano portare speranza a coloro che si trovano nella sofferenza», ha quindi concluso papa Ratzinger. Cinquecento dollari a testa, semplicemente per tenere in vita i propri cari. Tanto hanno dovuto pagare i familiari dei 250 profughi africani prigionieri da settimane nel deserto del Sinai. Domenica mattina, infatti, era scaduto l’ultimatum imposto dai sequestratori ai familiari dei profughi.
Per il momento non ci sono stati nuovi morti ma la situazione è ormai al limite: «Fate presto, siamo allo stremo», è l’appello che i sequestrati fanno arrivare in Italia attraverso don Mussie Zerai, sacerdote eritreo che tiene i contatti con il gruppo dei sequestrati. «Ho avuto modo di sentirli questa mattina (ieri, per chi legge) – spiega Mussie Zerai –. La situazione è delicata: i sequestratori sono innervositi dal tam tam mediatico che si è sollevato attorno alla situazione». Il rischio, ora, è che il gruppo di 250 profughi africani (tra cui 74 eritrei) venga trasferito in un nuovo nascondiglio. «Hanno paura di essere portati in un altro rifugio e che le loro sofferenze continuino ancora», aggiunge Mussie Zerai.
Uomini e donne, alcune delle quali incinte, incatenati e percossi, marchiati a fuoco «come schiavi», raccontano nelle disperate telefonate ai familiari. E sono gli stessi sequestratori a tenere in mano il telefono durante la conversazione e a fare pressione affinché la conversazione si chiuda sempre con lo stesso appello: «Manda i soldi o mi uccidono».
È l’ennesima vessazione, l’ennesima violenza subita da queste persone in fuga dalla Somalia, dal Sudan o dalla dittatura eritrea. Molti di loro erano già giunti a Tripoli per cercare di imbarcarsi e raggiungere così l’Italia, la salvezza. Un sogno durato poche ore: vennero respinti in mare dalle motovedette italiane e consegnati ai poliziotti libici. A questo punto non restava che una possibilità: entrare in Egitto, attraversare il deserto del Sinai e cercare di raggiungere Israele per chiedere asilo. Costo dell’impresa, duemila dollari. Ma, una volta giunti nel deserto, i trafficanti hanno alzato il prezzo e preteso 8mila dollari. Soldi che i mercanti di carne umana vogliono ottenere a ogni costo. Lunedì scorso tre uomini sono stati freddati con un colpo di pistola: un monito agli altri disperati. Il giorno dopo, altre tre persone sono state uccise a bastonate dopo un fallito tentativo di fuga. Giovedì quattro sono stati portati via dai loro carcerieri: «Agli altri hanno detto che sarebbero stati operati per espiantare un rene, visto che non potevano pagare», racconta don Mussie Zerai.
Non è la prima volta che la penisola del Sinai diventa teatro di sequestri da parte dei trafficanti di uomini. «I profughi, proprio perché sono particolarmente vulnerabili, sono facili vittime per queste bande di predoni dedite anche al traffico di droga e armi», spiega Christopher Hein, direttore del Consiglio italiano per i rifugiati. «È però la prima volta che si accendono i riflettori su questi episodi – conclude Hein –. L’attenzione della comunità internazionale è un segnale estremamente positivo. La nostra speranza è che i sequestratori possano fare un passo indietro».
Non resta quindi che confidare nella diplomazia. «L’appello del Papa è stato molto importante per richiamare l’attenzione della comunità internazionale su questo dramma – conclude Mussie Zerai –. Speriamo che venga accolto e che i governi si muovano per sollecitare il governo egiziano a intervenire per salvare queste persone». [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi. SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi» C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] Squali, assassini e disperati d’Africa. Quanto vale un non-uomo? Marina Corradi. 7 dicembre 2010. Uno squalo ha ucciso una bagnante nelle acque di Sharm el-Sheik. Sui giornali un resoconto dettagliato, anche a tutta pagina, completo di immagine dello squalo, e misure, peso, lunghezza dei denti nonché abitudini alimentari. Lo squalo predilige i cefalopodi, il barracuda e il tonno, veniamo edotti – per la completezza della informazione. Già, l’informazione. A poche centinaia di chilometri da Sharm el-Sheik, nel Sinai 250 profughi africani sono prigionieri da settimane di predoni. Che pretendono dai familiari un riscatto. E intanto, per far capire che non scherzano, ne hanno già uccisi sei. Gli altri aspettano in catene il loro destino. Di quei 250 miserabili ha parlato il Papa, all’Angelus di domenica. Ha pregato per loro. Ma alla sua voce non sembra aggiungersi quella specie di preghiera laica che è la mobilitazione mediatica. Non si vede salire nei titoli una battaglia paragonabile, per esempio, a quella per Sakineh. Eppure quegli uomini sono 250, e in sei sono già morti. Eppure il Sinai non è lontano da quella spiaggia dove uno squalo assassino merita le prime pagine. Uomini e no, viene da pensare. Al mondo esistono gli uomini: sono quelli che vanno in vacanza a Nama Bay, e che sono comprensibilmente disturbati dalla presenza di uno squalo. Facilmente gli italiani benestanti, di Sharm el-Sheik affezionati frequentatori, si lasceranno coinvolgere dalla tragica fine di una turista straniera che nuotava serena, proprio come facevano loro l’anno scorso. Proprio come vogliono fare a Natale: oddio, c’è uno squalo a Nama bay, ci si telefona fra amici in partenza. E poi al mondo esistono i non uomini, gli Untermenschen che scappano dalle guerre infinite di Etiopia, Eritrea e Somalia in carovane di camion, nella polvere. Finiscono in Libia, li imprigionano, fuggono. Non tentano più di imbarcarsi: il Mediterraneo è sbarrato, e quanti già, come loro, giacciono in fondo al mare, in un cimitero senza croci. Come in un labirinto cieco, di respingimento in respingimento, tornano indietro, vendendo sé stessi per pagare un passaggio, una minima speranza di salvezza. Quei 250 volevano chiedere asilo in Israele. I predoni che ne fanno "commercio" li tengono nel Sinai senza alcuna fatica: uomini stremati, allo sbando, disarmati. Quanto vale la vita di un morto di fame? Famiglie di immigrati in Svizzera, nel Nord Europa si sono sentite chiedere 8.000 dollari dai fratelli, dai figli prigionieri. In sei già ammazzati, il prossimo quando? A dare voce al dramma un prete e le solite Ong. Ma il dramma non trapassa la cortina di una distratta indifferenza sui giornali. Non fa scendere in piazza, non suscita raccolte di firme di intellettuali. Come mai, potremmo candidamente chiederci. Ma è semplice: la faccenda dello squalo a Sharm el-Sheik riguarda "noi". Quei turisti a Nama Bay potremmo essere noi, nelle vacanze di Natale. Leggiamo dunque con allarmata immedesimazione della tragica fine di una "come noi". Le 250 vite e storie di quei profughi braccati invece non ci coinvolge emotivamente: sono neri, senza una casa né un soldo, affamati e sporchi. Incomprensibili per noi le loro odissee. Profughi, da che cosa? Gli echi di guerra e sangue che filtrano talvolta tra la cronaca di una festa ad Arcore e l’ultima lite in Parlamento ci giungono così confusi e lontani. E, magari, al Nord (e non solo) qualcuno sotto sotto pensa che quei 250 prigionieri sono 250 immigrati di meno a casa nostra. Non c’è nemmeno, a coinvolgerci, la tensione di una battaglia contro una sentenza di morte. Quei là nel Sinai sono anche al di sotto dei requisiti minimi per avere dei diritti civili: profughi e dunque come non più cittadini di alcun Paese. Non uomini di una non patria. Figli del niente. A chi interessano? Al Papa e al solito prete che se li è presi a cuore, e si sgola a richiamare l’attenzione. Ma il sasso cade nell’acqua inerte di uno stagno. Stiamo pensando ad altro, alla crisi, alle elezioni forse, ai file di Wikileaks. Alle vacanze, i più fortunati. Di predoni, interessano solo quelli con le pinne, sul mare dove si affacciano i resort dove gli uomini "come noi" vanno, a Natale. [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi. SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi» C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] «Siamo ridotti in catene». L’ultimo urlo degli eritrei. Diego Motta. 5 dicembre 2010. Il rumore arriva sordo alla cornetta del telefono. «Senti le catene? Ci hanno legato, come gli schiavi». La voce della ragazza eritrea, sequestrata in mezzo al deserto insieme ad altri 250 africani di varie nazionalità, arriva da uno dei due accampamenti scelti dai trafficanti di uomini per nascondere la loro vergogna: centinaia di uomini e donne africane, provenienti anche dall’Etiopia, dal Sudan e dalla Somalia, sono da settimane nelle mani di una banda senza scrupoli. Sognavano di arrivare in Occidente, invece sono in una delle tanti prigioni improvvisate nascoste intorno al Sinai. Sei di loro sono stati uccisi all’inizio di questa settimana, molti vengono torturati quotidianamente e sono in condizioni drammatiche. «Ora devo lasciarti, ricordati di mandare i soldi», è la frase più ricorrente che usano per troncare qualsiasi conversazione e "rassicurare" i loro aguzzini. Dall’altra parte del telefono, ci sono famiglie, soprattutto svizzere e svedesi, a cui viene chiesto un contributo economico. «Fai in fretta, altrimenti mi tolgono un rene». Sono i soldi del riscatto, l’unica cosa che interessa ai trafficanti di uomini del ventunesimo secolo: scovare chi, tra questa povera gente, ha parenti in Europa e con loro alzare la posta della liberazione. In Libia era di 2mila dollari mentre adesso, sulle alture del Sinai, il prezzo della libertà vale quattro volte tanto. «Hanno fiutato l’affare – spiega don Mosè Zerai, il sacerdote che dall’Italia sta dando voce alle vittime di questa vicenda – e lanciano ultimatum continui. Sono armati fino ai denti e probabilmente c’è qualcuno che li copre, all’interno di una zona non controllata». Sotto accusa, nelle ultime ore, è finito proprio il governo egiziano, a cui si sono rivolti nell’ordine la Farnesina, le organizzazioni delle Nazioni Unite che lavorano per i diritti umani e per i rifugiati, diverse Ong e le associazioni ecclesiali. «C’è una sostanziale inerzia da parte del Cairo» denuncia Matteo Pegoraro, copresidente del gruppo Everyone, una Ong che lavora nel campo dei diritti umani, che ha lanciato anche un appello all’Europa e ha chiesto il sostegno persino del Mossad israeliano, affinché aiuti le autorità locali nella cattura della banda. I profughi sono richiedenti asilo, in fuga perenne dalla loro terra, finiti in trappola prima in Libia, da dove sono successivamente scappati, e ora con il miraggio di arrivare in Israele, dove vorrebbero chiedere asilo politico. Ma la loro drammatica rincorsa, passata di trafficante in trafficante, di ricatto in ricatto, è divenuta ormai un caso internazionale. «Non è la prima volta che succede, ma è la prima volta che assistiamo a una deportazione di massa di queste proporzioni», è il monito duro di don Zerai. «Mai visto un traffico di esseri umani di queste dimensioni», conferma Laura Boldrini, portavoce dell’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Acnur), che parla di «un fiorente business per questi sfruttatori, ancora più spregiudicati da quando sanno che sono chiuse le rotte d’accesso all’Europa che arrivano via mare». I gruppi criminali sono da sempre in agguato e, quando ti muovi nelle terre di nessuno, diventa impossibile garantire protezione da parte degli Stati, in alcuni casi conniventi proprio con le stesse organizzazioni. «Speriamo che la mobilitazione in corso per la liberazione dia presto i suoi frutti» spiega don Zerai. Il tempo della vergogna (e delle catene) è già scaduto.
[ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi. SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi» C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] Ricatti e fughe, continua il dramma degli eritrei. Paolo Lambruschi
2 dicembre 2010. Non è una spietata banda di predoni allo sbando, ma una vera e propria organizzazione di trafficanti di schiavi. Sono i rapitori che tengono in ostaggio i profughi eritrei nelle sabbie del Sinai e che minacciano di ucciderli tutti, nell’indifferenza dei governi e nel silenzio di molti media, se non verrà pagato un riscatto di 8mila dollari. Ne hanno già ammazzati 6 in 48 ore, tra lunedì e martedì.
Ieri il quadro si è arricchito con nuove testimonianze dei prigionieri. I carcerieri consentono loro chiamate con i cellulari a parenti e conoscenti per reperire il riscatto. E i racconti al telefonino, unico legame con il mondo, dimostrano che la rete dei trafficanti è ben radicata nel Nordafrica e in alcune città europee. Le modalità di pagamento prevedono infatti il pagamento attraverso agenzie di money transfer a persone residenti al Cairo oppure la consegna a emissari dell’organizzazione di sensali di uomini in alcune capitali europee, dove vive la nutrita diaspora dalla repubblica del Corno d’Africa. Chi ha potuto, ha pagato così, ma cifre più piccole, solo 500 - 1000 dollari, insufficienti per comprare la libertà. Dunque c’è un piano preordinato dietro al sequestro più di un mese fa del gruppo di 80 eritrei che aveva pagato i passatori per andare in Israele e da lì tentare la rotta terrestre che dalla Turchia arriva in Europa. «I 74 superstiti – racconta don Mosè Zerai, il sacerdote eritreo della diocesi dell’Asmara che vive Roma e che ha contati quotidiani con gli ostaggi – sono ormai in condizioni disperate. Mangiano una pagnotta ogni due giorni e bevono acqua salata che provoca forti disturbi, non si lavano e sono malmenati». Dopo il tragico tentativo di fuga di 12 persone, costato tre vittime, i criminali hanno spostato i prigionieri incatenati in capanne di fango e legno più piccole. Questo ha consentito di scoprire la presenza di almeno tre donne in stato di gravidanza.
«Secondo il mio interlocutore ce ne sarebbero altre – conferma don Zerai - ma non sono in grado di dire quante». Intanto ieri è iniziata la mobilitazione delle organizzazioni umanitarie per rompere il muro del silenzio e chiedere al nostro governo di intervenire sul governo del Cairo per salvare gli ostaggi.
«Oggi – commenta padre Giovanni La Manna, presidente del Centro Astalli – assistiamo a una delle pagine più nere della nostra civiltà: la morte di esseri umani in cerca di libertà. Reagiamo a tutto ciò: poniamo fine alla distruzione del diritto d’asilo e ritorniamo a dare protezione ai perseguitati della terra. Non possiamo restare indifferenti – prosegue il gesuita –nell’apprendere le tragiche notizie che giungono dall’Egitto. Don Zerai sta denunciando un massacro di cui l’Europa e l’Italia sono corresponsabili. Esseri umani in pieno diritto di ottenere protezione internazionale hanno perso la vita nell’indifferenza assoluta delle istituzioni».
Anche la Comunità Papa Giovanni XXIII si è unita agli appelli. «Sei rifugiati sono stati uccisi perché non hanno ceduto al ricatto – ricorda l’associazione – non hanno pagato il prezzo della loro libertà. Facciamo appello al governo italiano, al governo egiziano e alle autorità europee ed internazionali a tutela dei diritti umani affinché intervengano con urgenza perché vengano liberate e salvate queste vite». [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi. SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi» C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] Libia, orrore nel Sinai: uccisi altri tre eritrei. 1 dicembre 2010. Sei morti ammazzati in 48 ore. Cadono come mosche, al ritmo di tre vite umane al giorno, gli 80 eritrei fuggiti dalla Libia nel tentativo di raggiungere l’Europa attraverso Israele e caduti da oltre un mese nelle mani di una banda di spietati trafficanti di esseri umani nel Sinai. L’allarme è stato rilanciato sul blog dell’agenzia di cooperazione Habeshia dal sacerdote eritreo cattolico della diocesi dell’Asmara Mosè Zerai, che vive a Roma e che dalla capitale, dallo scorso 24 novembre, è in contatto telefonico con questi sventurati in trappola. Ai quali i carcerieri lasciano usare il cellulare per implorare il pagamento del riscatto di 8mila dollari. Al confine tra Egitto e Israele, si sta consumando l’ennesima tragedia dell’immigrazione nell’indifferenza dei governi e nel silenzio dei media. Ieri altri tre eritrei sono stati massacrati a bastonate dai banditi, che tengono in ostaggio i profughi in una località indefinibile. Si tratta di persone che, una volta giunte sul suolo europeo, avrebbero diritto di chiedere asilo. Nel deserto la loro vita vale poche migliaia di dollari. L’odissea è iniziata più di un mese fa, quando i passatori avevano promesso di trasportare i fuggitivi oltre la frontiera con lo stato ebraico in cambio del pagamento di duemila dollari. Ma li hanno ingannati, fermando il camion dei profughi in mezzo al deserto e chiedendo 8mila dollari a testa per lasciare gli ostaggi in vita. Da lunedì è cominciata la mattanza. L’altro ieri tre persone erano state torturate e uccise a sangue freddo con la pistola perché non era stato pagato il riscatto, ieri un tentativo disperato di fuga di una dozzina di profughi è stato fermato e represso con violenza bestiale lasciando sul terreno altri tre cadaveri. Dalle informazioni in possesso del prete eritreo risulta che gli ostaggi sono quasi tutti sotto i trent’anni. Nel gruppo vi sono anche alcune donne. Sono tenuti prigionieri in condizioni inumane, in catene, maltrattati, con vitto scarso e senza potersi lavare. In tutto nell’area vi sarebbero 600 ostaggi provenienti da Corno d’Africa e Sudan. «Ho parlato con alcuni ostaggi eritrei ieri mattina – racconta don Zerai – mi hanno detto che i rapitori sono armati fino ai denti e determinati. Stanno perdendo le speranze di restare vivi, non c’è più tempo. Dove sono? Non riescono a identificare la località, sono stati incappucciati durante il trasbordo. Mi hanno riferito di vedere dalla prigionia una scuola e una moschea. Può agire solo il governo egiziano. Ma serve un intervento urgente dei governi europei sul Cairo per salvare i 74 superstiti o moriranno nell’indifferenza delle istituzioni nazionali e internazionali». Non si escludono connivenze dell’organizzazione di trafficanti con la polizia. Lunedì don Zerai è stato ascoltato a Bruxelles in un’audizione al Parlamento europeo senza, però, ottenere molto. Ma qualcosa si muove. L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati ha segnalato il caso alle autorità egiziane. Ieri le senatrici del Partito Democratico Emanuela Baio e Mariapia Garavaglia, componenti della commissione diritti umani di palazzo Madama, hanno lanciato un appello: «Salviamo la vita degli eritrei che muoiono nel deserto del Sinai, una parte di loro risulta essere stata respinta dalla Libia» . «Risulta che, al confine tra Egitto ed Israele, – si legge in una nota delle due senatrici – nel deserto del Sinai, luogo simbolo per la cristianità, dove sono state consegnate a Mosè le tavole dei 10 Comandamenti, si consumino ogni giorno efferati delitti impuniti. E sembra che queste violenze lascino diversi Stati e il nostro governo completamente disinteressati». Le parlamentari hanno firmato l’interrogazione presentata la scorsa settimana dal Presidente della commissione Diritti umani del Senato Pietro Marcenaro e hanno chiesto al ministro degli Esteri Frattini di riferire in Senato. «Chiediamo di sapere cosa stia facendo il Governo italiano verso quello egiziano per liberare i profughi e cosa stia facendo verso la grande Repubblica Araba di Libia, popolare e socialista per difendere il diritto alla protezione umanitaria. Un paese con il quale abbiamo siglato poco tempo fa un accordo costato non poco alle casse dello Stato». [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi. SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi» C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] ODISSEA DEGLI ERITREI
01/01/2011
Sinai, le voci dall’orrore
30/12/2010
Eritrei, «I predoni stanno separando gli ostaggi»
29/12/2010
L’Egitto ammette: sono 300 gli ostaggi eritrei
28/12/2010
Gli egiziani arrestano migranti alla frontiera. Paura per gli eritrei
24/12/2010
Eritrei, venti ostaggi liberati Torture a chi non paga
23/12/2010
Eritrei, la suora testimone: «Picchiato a morte chi non paga»
22/12/2010
L'odissea degli eritrei: «Noi, picchiati con spranghe»
18/12/2010
«Mio cugino ostaggio tra gli eritrei. Vi racconto il ricatto»
17/12/2010
Il popolo dei senza nome chiama un sussulto di umanità
17/12/2010
La Ue in campo: salvare subito i profughi eritrei
17/12/2010
«Ho pagato per salvare mio fratello dai predoni»
13/12/2010
Profughi eritrei nel Sinai: si mobilita il Parlamento Ue
10/12/2010
Elogio del predone
08/12/2010
Prigionieri eritrei, si muovono gli 007 egiziani
07/12/2010
Eritrei, l'appello del Papa. Pagata una parte del riscatto
07/12/2010
Quanto vale un non-uomo?
05/12/2010
«Siamo ridotti in catene». L’ultimo urlo degli eritrei
02/12/2010
Ricatti e fughe, continua il dramma degli eritrei
01/12/2010
Libia, orrore nel Sinai: uccisi altri tre eritrei
[ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi. SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi» C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] ODISSEA DEGLI ERITREI
01/01/2011
Sinai, le voci dall’orrore
30/12/2010
Eritrei, «I predoni stanno separando gli ostaggi»
29/12/2010
L’Egitto ammette: sono 300 gli ostaggi eritrei
28/12/2010
Gli egiziani arrestano migranti alla frontiera. Paura per gli eritrei
24/12/2010
Eritrei, venti ostaggi liberati Torture a chi non paga
23/12/2010
Eritrei, la suora testimone: «Picchiato a morte chi non paga»
22/12/2010
L'odissea degli eritrei: «Noi, picchiati con spranghe»
18/12/2010
«Mio cugino ostaggio tra gli eritrei. Vi racconto il ricatto»
17/12/2010
Il popolo dei senza nome chiama un sussulto di umanità
17/12/2010
La Ue in campo: salvare subito i profughi eritrei
17/12/2010
«Ho pagato per salvare mio fratello dai predoni»
13/12/2010
Profughi eritrei nel Sinai: si mobilita il Parlamento Ue
10/12/2010
Elogio del predone
08/12/2010
Prigionieri eritrei, si muovono gli 007 egiziani
07/12/2010
Eritrei, l'appello del Papa. Pagata una parte del riscatto
07/12/2010
Quanto vale un non-uomo?
05/12/2010
«Siamo ridotti in catene». L’ultimo urlo degli eritrei
02/12/2010
Ricatti e fughe, continua il dramma degli eritrei
01/12/2010
Libia, orrore nel Sinai: uccisi altri tre eritrei
[ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi. SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi» C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
-1 secondi fa
Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE COSA POSSO FARE IO? answer [ prendi i carri armati, ed occupa definitivamente, tutto quel deserto! CONTRARIAMENTE, tu pagherai, con il tuo sangue, per il loro sangue!!"] ODISSEA DEGLI ERITREI [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi. SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi» C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE IMPORTA A ME? MICA SONO ISRAELIANI!"] ODISSEA DEGLI ERITREI [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi. SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: Traffico di esseri umani. Business da 32 miliardi» Paolo Lambruschi. 26 gennaio 2011.Alessandro Calvani è una delle persone che meglio conosce la realtà sommersa del traffico di esseri umani per averla combattuta per anni come direttore dell’Unicri, l’ufficio Onu che contrasta il crimine internazionale. Oggi vive a Bangkok dove dirige il Centro Asean per lo sviluppo. Secondo le Nazioni Unite, sono 12 milioni le vittime del lavoro forzato. Ogni anno sono tra 700.000 e 900.000 le nuove vittime del traffico internazionale che si aggiungono a 2,5 milioni di persone già nel giro. Circa il 20% sono minorenni; quasi l’80% di sesso femminile. Il 79% è stato vittima di sfruttamento a fini sessuali.
Quali sono i volumi di affari dei nuovi mercanti di schiavi e i trend per i prossimi anni? Abbiamo stime incomplete. Ad esempio oltre 70.000 persone all’anno sono vittime della tratta tra l’Europa orientale e la Russia verso l’Europa occidentale, che crea un guadagno per i trafficanti di quasi tre miliardi di euro l’anno. Il valore della tratta di esseri umani a livello globale corrisponde a circa 32 miliardi di dollari all’anno, di cui 9,7 appartengono al mercato asiatico, dove sono trafficate circa 1,4 milioni di persone all’anno. E solo in Messico la tratta procura ai trafficanti tra i 15 e i 20 miliardi di dollari annui. Se nulla cambia, il trend sarà di crescita, pari almeno alla crescita dell’economia lecita. Quali sono le caratteristiche del traffico in Asia? Le vittime potenziali aumentano in fretta ovunque c’è distruzione dei tessuti sociali, delle famiglie soprattutto, causati da conflitti e disperazione economica. Il governo thailandese continua il suo impegno per ridurre il fenomeno delle vittime nell’area dei paesi del Mekong. Ma in Myanmar la miseria è cronica soprattutto tra le minoranze etniche, che sono il 40% della popolazione. A volte sono le famiglie a vendere una bambina ai trafficanti per avere il riso per altri tre mesi. In Cambogia è diminuita la povertà ma è cresciuta la disuguaglianza. Il Laos rimane uno dei paesi più poveri della regione. C’è una forte crescita del traffico verso il Sud-Est Asiatico da altre aree del mondo.
Come sono strutturate le reti dei trafficanti? C’è una regia unica?
Non c’è una Spectre globale di tipo piramidale come le mafie. C’è però una forte rete diffusa di collaborazioni e collusioni che rende efficienti i traffici in termini di collegamenti tra domanda e offerta, sistemi finanziari, impunità, corruzione di ogni forma di resistenza. Ogni anello della catena del traffico conosce solo l’anello precedente e quello seguente e ottimizza solo quelle due relazioni. Questo metodo minimizza anche l’impatto, peraltro scarso, delle investigazioni e della repressione. Nella vicenda degli eritrei rapiti nel Sinai si sospetta vi sia la regia di Hamas e di Al Qaeda. I proventi del traffico di esseri umani vanno a finanziare le attività terroristiche? Il prodotto criminale mondiale è una specie di borsa mondiale dei titoli delle imprese di saccheggio globale. Il capitale va dove è più remunerato, dove le azioni crescono più in fretta e con meno rischi. Ovvio che tutte le sinergie sono cercate dovunque possibile. Se un trafficante di persone paga per garantirsi che un camion passi un posto di frontiera o perché un peschereccio entri ed esca da un porto senza che nessuno ci guardi dentro, vuole che non venga massimizzata l’opportunità mettendoci dentro anche soldi, e armi, oltre che esseri umani? In trent’anni in prima linea nelle crisi umanitarie più gravi e nei conflitti più sanguinosi, non ne ho mai visto uno dove capitali illeciti, conflitti e crimini non fossero associati. Il terrorismo ha bisogno di armi, soldi, risorse umane. Il crimine organizzato può fornire soldi e armi in cambio di copertura dei suoi traffici, compresi i rifiuti tossici e i beni forestali. Le risorse umane le forniscono invece l’assenza di dialogo negli scenari di crisi e gli stati falliti laddove l’economia illecita funziona meglio di quella lecita.
È migliorata la collaborazione tra polizie per stroncare il traffico ci persone?
Le forze di polizia collaborano molto meglio di dieci anni fa. Ma non si può fermare un fenomeno sociale, economico e in qualche modo un’omissione politica solo usando le manette. Che tipo di protezione va assicurata alle vittime della tratta? Le vittime della tratta hanno diritto alla protezione come vittime, come testimoni del modus operandi di uno dei crimini più mostruosi del nostro tempo e, in molti casi, anche come rifugiati, visto che la loro vita sarebbe minacciata se tornassero nel paese di origine. Secondo lei l’opinione pubblica è adeguatamente informata? Mi pare di no. Se tutti sapessero quello che c’è dietro a queste rapine di dignità umana parecchi si ribellerebbero all’ignavia delle autorità o sfonderebbero le porte di certi postriboli per liberare le vittime. . C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE IMPORTA A ME? MICA SONO ISRAELIANI!"] ODISSEA DEGLI ERITREI [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi. SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: MAGHREB IN FIAMME . Sono in Italia i 58 eritrei evacuati da Tripoli: «Trattati come nemici». Sono molto stanchi, ma fisicamente in buone condizioni i 58 eritrei evacuati da Tripoli e arrivati martedì sera a Crotone, a bordo di un C130 dell’Aeronautica militare. Complessivamente 18 nuclei familiari: 18 donne, 26 minori (tra cui molti neonati, il più grande ha appena undici anni) e 14 uomini, sono stati ospitati all’interno del Centro di accoglienza per richiedenti asilo (Cara) di Sant’Anna. L’evacuazione è stata coordinata dall’ambasciata italiana di Tripoli, dal Consiglio italiano per i rifugiati, da don Mosé Zerai presidente dell’agenzia Habeshia e dal vescovo cattolico della capitale libica, monsignor Giovanni Martinelli. I profughi, tutti richiedenti asilo, sono arrivati muniti di un lasciapassare rilasciato dall’ambasciata italiana a Tripoli e dal Cir, molti di loro hanno anche un documento dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati che attesta la loro condizione. «Un grazie all’Italia per aver messo in salvo, con un importante atto umanitario, i profughi eritrei. Questo gesto è un precedente importante e positivo», commenta don Mosé. E anche se per il momento il trasferimento riguarda «un gruppo relativamente ristretto di rifugiati», anche Cir esprime apprezzamento per l’operazione: «Un gesto umanitario nei confronti di persone che non possono essere rimpatriate, che vivevano in Libia nella paura di subire attacchi», commenta il direttore Christopher Hein. La speranza, ora, è che anche altri Paesi dell’Ue seguano l’esempio dell’Italia e che si facciano carico dell’evacuazione degli altri profughi che si trovano in Libia: circa 2mila persone, esposte agli attacchi dei libici. «Gli eritrei a Tripoli sono trattati come nemici. Gli insorti li scambiano per mercenari di Gheddafi, mentre i militari del colonnello potrebbero essere tentati di prenderli in ostaggio», spiega don Zerai. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
Benjamin Netanyahu HA DETTO: "CHE IMPORTA A ME? MICA SONO ISRAELIANI!"] ODISSEA DEGLI ERITREI [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi. SENZA PATRIA NÉ DIRITTI. Eritrei: ecco l'andata. e il ritorno dall'inferno. 21 aprile 2011. Erano 250 eritrei colpevoli di inseguire un sogno di libertà. Fuggivano da un regime oppressivo, volevano raggiungere Israele. Invece sono stati rapiti per mesi nel Sinai da una rete criminale composta da clan di beduini Rashaida. Circa 85 di loro fuggivano dalla Libia, "chiusa" ai migranti dopo il trattato di amicizia con l’Italia, gli altri provenivano dal Sudan. La loro odissea è iniziata il 23 novembre, per la maggior parte è terminata tra Natale e febbraio con il pagamento del riscatto variabile dagli 8 ai 10mila dollari. Abbiamo seguito la loro tragedia – grazie anche alle denunce del sacerdote eritreo Mosè Zerai – con una lunga campagna giornalistica tra novembre e dicembre per rompere il silenzio di media e governi occidentali su questa nuova rotta del traffico di esseri umani. Ora possiamo rivelarlo, la libertà di alcune donne povere in stato interessante è stata pagata anche da alcuni nostri lettori sdegnati dall’orrore, che non è stato fermato neppure dopo una risoluzione del Parlamento europeo a metà dicembre che sollecitava l’intervento del Cairo. Solo la società civile si è mossa. Ma il Sinai è terra di nessuno, anche dopo le rivolte, e l’industria dei sequestri resta fiorente. Dove sono, come stanno gli eritrei rapiti in autunno e liberati tre mesi fa? Siamo andati a Tel Aviv a scoprirlo e, per la prima volta, i profughi raccontano un’odissea infinita. Zion tiene gli occhi bassi mentre entra nella sede di Ardc, associazione israeliana che aiuta i richiedenti asilo in Israele. È eritrea e sul volto porta i segni di un viaggio di andata e ritorno all’inferno. Ora vive in un limbo con poche prospettive per lei e la vita che porta in grembo. Ha 28 anni, è incinta di sette mesi. Indossa una tuta da ginnastica larga e porta il guardaroba in una borsa della spesa. Li hanno rilasciati a gennaio, dopo tre mesi di sequestro. «Ringrazio i benefattori italiani, devo loro la vita. La mia famiglia ha venduto tutto, ma non riusciva a coprire tutto il riscatto. Per me e mio marito sono stati pagati 11mila dollari a testa». Dopo la liberazione la coppia è stata un mese nel campo profughi israeliano di Saharonim, quindi è arrivata a Tel Aviv. Hanno un permesso provvisorio, ma Israele non ha una legge sull’asilo e i profughi non trovano lavoro facilmente. Dividono una stanza con altre sei persone e fanno letteralmente la fame. Chiedo della loro odissea. «Siamo arrivati in Libia nel 2009, ma non potevano più restare: rischiavamo di finire in galera come clandestini. Non era più possibile partire per l’Italia a causa dei respingimenti. Ci hanno arrestato e abbiamo dovuto pagare per uscire. Allora ad ottobre 2010 un eritreo di nome John ci ha detto che ci avrebbe fatto arrivare in Israele con 2.500 dollari. Siamo partiti in 49, nel Sinai ci siamo uniti a un altro gruppo proveniente dalla Libia. Eravamo 85 in tutto. I beduini ci hanno tenuti nel deserto una settimana senza cibo. Poi si sono fatti consegnare soldi, cellulari, ci hanno messo delle coperte addosso e spinti dentro alcune caverne dove c’erano altri prigionieri, in tutto eravamo 250. Lì è cominciato il calvario». Zion scoppia a piangere al ricordo della prigionia. «Ci tenevano incatenati, ci maltrattavano. Ci davano da mangiare solo pane e pomodori. Soffrivamo di diarrea e dovevamo fare i bisogni davanti a tutti. Non ci hanno mai fatto lavare né cambiare, bevevamo acqua sporca o le urine. Ci picchiavano con spranghe, poi chiamavano i parenti per sollecitare i pagamenti». Conferma l’omicidio di sei eritrei. «A fine novembre hanno cercato di scappare. I beduini ne hanno uccisi quattro a fucilate, due li hanno ammazzati a bastonate. Si chiamavano John e Goitom, avevano 25 anni». Durante il giorno gli uomini incatenati venivano impiegati come schiavi per costruire case. Alle donne andava peggio. «Eravamo nove e ci facevano pulire. Cinque le hanno stuprate davanti a tutti, io sono stata risparmiata perché ero malata. Eravamo prigionieri del trafficante Abu Khalid, i beduini avevano complici eritrei». Conferma che oltre a lei, le offerte italiane hanno contribuito a liberare tre eritree in stato di gravidanza. «Una è impazzita per le violenze subite e ha abortito come altre donne stuprate. Le altre due devono partorire. Non abbiamo neppure i soldi per mangiare, ma vogliamo andare fino in fondo sperando in Dio». Al rifugio di Ardc, in un quartiere abitato da migranti africani, vivono in stanzette sovraffollate 20 donne e 25 bambini tra 0 e 16 anni. Trovo M., 22 anni, incinta al sesto mese. L’hanno rapita a ottobre. Era nel gruppo dei 250 sequestrati che abbiamo imparato a conoscere. Lei è stata liberata con il contributo italiano a dicembre. «Sono fuggita da casa in agosto con un gruppo di amici e volevo lavorare in Sudan. I Rashaida mi hanno ingannata dicendomi che mi portavano a Khartoum, invece mi sono trovata nel Sinai dopo un viaggio infernale di una settimana. Ci tenevano stipati nei camion, sotto quintali di verdura e frutta. Alcuni sono morti soffocati. Eravamo prigionieri di Abu Abdel, per me sono stati pagati 8mila dollari». M. sapeva di essere incinta del suo compagno quando era nel Sinai. Nonostante ciò è stata abusata da uno dei rapitori, un egiziano. Quando l’hanno liberata voleva abortire: per ignoranza temeva che il bambino fosse figlio anche dell’aguzzino. Quando medici le hanno spiegato che il padre era il compagno ancora prigioniero, ha scelto di partorire. M. è in miseria, ma, nonostante il dolore, non ha perso la speranza. Come tutti le donne e gli uomini eritrei che ho incontrato, il suo sogno di libertà non è stato spezzato nel Sinai. C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
MY HOLY JHWH -- tu lo sai, tu non mi hai progettato per avere rispetto di te, in queste circostanze, tu mi fai schifo! [[ Benjamin Netanyahu HA DETO: "CHE IMPORTA A ME? MICA SONO ISRAELIANI!"] ODISSEA DEGLI ERITREI [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi.
C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!
Rispondi
·
ShalomGerusalemme
1 secondo fa
[[ Benjamin Netanyahu HA DETO: "CHE IMPORTA A ME? MICA SONO ISRAELIANI!"] ODISSEA DEGLI ERITREI [ drammatico appello dei cristiani, AL BOIA SHARIA Abd Allah dell'Arabia Saudita.] Orrore Sinai, i rapiti uccisi per gli organi. Tratta di uomini e di organi. Paolo Lambruschi 11 novembre 2011. «Di incontrare i predoni beduini non se ne parla proprio», dice il contatto, l’uomo che con loro ha lavorato per anni da El Arish. Qualche giorno fa c’è stato uno scontro a fuoco con la polizia, e troppi media si stanno interessando alla vicenda degli ostaggi nel Sinai. Sono loro, però, la chiave per capire i misteri del Sinai, quanti sono attualmente i rapiti e dove è finita parte degli eritrei, quella che non riposa fuori dal cimitero di El Arish. Secondo un agghiacciante lancio dell’agenzia di stampa palestinese Ma’an, l’azione dei trafficanti di organi sul confine tra Egitto e Israele è stata denunciata già a settembre da un profugo eritreo sfuggito ai suoi sequestratori beduini. L’uomo aveva denunciato l’uccisione dei suoi compagni dopo che era stato preso loro il denaro e asportati gli organi. I corpi erano stati gettati nei bagagliai delle auto dei predoni. Che in Egitto fiorisca un mercato clandestino di organi è noto. Lo scorso giugno è stata approvata una legge che lo contrasta, ma nel 2010 l’Organizzazione mondiale della Sanità ha definito il Paese un hub – uno snodo – per il traffico verso il mondo arabo, classificandolo nei primi cinque Stati attivi in questo immondo mercato. Giudizio aggravato per il 2011 dal Dipartimento di Stato americano, che lo ha portato al terzo posto. Nel deserto il business milionario dei sequestri si sarebbe così saldato con quello altrettanto florido degli organi umani a spese degli africani. Il rischio è infatti pari a zero, le ambasciate dei Paesi di appartenenza non reclamano per la sparizione di disperati privi di documenti, e la polizia egiziana non interviene. I predoni, dal canto loro, si sono ben guardati dal rapire occidentali. Parte degli introiti del mercato nero dal Sinai prende probabilmente la strada del Cairo, altri finanzierebbero il terrorismo islamico. Ma qui la pista diventa troppo intricata, difficile separare le responsabilità criminali in un Paese dove è alto il tasso di corruzione anche nelle forze dell’ordine, indebolite dalla rivoluzione, che nel deserto non intervengono troppo. I dati confermano comunque che i due luridi mercati, uomini e organi, si alimentano. I sequestri, infatti, continuano. Sono almeno 500 le persone in ostaggio da settembre dei rapitori che hanno creato un triangolo della morte nel deserto della Bibbia. Dopo un anno di indagini da parte delle organizzazioni umanitarie, che hanno pazientemente raccolto le testimonianze delle vittime, sono noti persino i nomi dei mercanti di uomini e dei loro complici eritrei che attirano i profughi in trappola e riscuotono i ricatti via money transfer.
E sono stati trasmessi sia alla polizia israeliana sia a quella egiziana, ma senza esito.
«Dopo 12 mesi – spiega don Mosè Zerai, il sacerdote cattolico eritreo che vive a Roma – il flusso di migranti che vanno volontariamente sulla rotta del Sinai è diminuito. Però i riscatti sono aumentati, da qualche mese vengono chiesti 26 mila dollari per ostaggio».
Da Stoccolma la giornalista eritrea Meron Estefanos lancia da luglio un nuovo allarme: «I Rashaida rapiscono gli eritrei fuori dai campi profughi di Shegarab, in Sudan. Poi li vendono ai beduini in Egitto. Li scelgono tra i più giovani, temiamo che chi non possa pagare sia rivenduto ai trafficanti d’organi».
Dall’altra parte del confine Sigal Rozen, avvocato e attivista israeliana per i diritti umani dell’associazione Hotline for Migrant Workers di Tel Aviv, ha raccolto migliaia di testimonianze di eritrei in due anni. Ecco cosa ha concluso: «Non è vero che nel traffico d’organi finisca solo chi non paga il riscatto. Ci sono ragazze giovani e carine segregate per mesi anche dopo i pagamenti solo per continuare a stuprarle. E molti giovani uomini le cui famiglie hanno pagato spariscono senza aver mai contattato i loro cari. Probabile che dopo aver incassato il denaro i beduini li abbiano comunque scelti per l’asportazione di fegato, reni e cornee moltiplicando così i guadagni, e poi li abbiano uccisi».
Le gang più note fanno capo ai palestinesi Abu Khaled e Abu Ahmed, ma secondo le testimonianze dei superstiti, il più crudele e sadico è Abu Abdallah, arrestato in maggio dalla polizia egiziana e subito liberato: un beduino 40enne padre di otto figli, originario di Mekleh vicino a Nahkhab che agisce con il fratello, noto come Abu Musa. Di costoro sono conosciuti persino i cellulari, eppure sono liberi di girare sulla rotta del traffico che va da Aswan a Rafah. I predoni beduini hanno chiuso i canale, mi dice il contatto di El Arish. Alla Cnn un leader della tribù beduina Sawarka, una delle più grandi nel Sinai, ha ammesso il traffico di persone e le violenze, e ha puntato l’indice su «alcune canaglie» del clan.
Un altro capo della tribù Tarabin ha riconosciuto il traffico con i Sawarka, spiegando che «su 150mila beduini riguarderebbe 50 persone». Anche lo sceicco del clan Tihi ha parlato in un filmato trasmesso a fine ottobre dall’emittente privata egiziana Channel 25 e girato a Nekhel, nel cuore del Sinai. Anche questo video è rintracciabile su YouTube. Mostra le fosse comuni con i cadaveri calcinati di africani privi di organi, dissanguati e poi strangolati. Il video mostra i resti di un accampamento, e poi farmaci, lacci emostatici. E documenti bruciacchiati di eritrei. Il capo beduino fa il nome del trafficante d’organi: è Solomon Abdallah, alias Abu Abdallah. Probabilmente per smarcarsi i predoni beduini hanno rilasciato mercoledì 600 persone alla frontiera con Israele, secondo l’Acnur. Un fatto senza precedenti: i rilasci sono sempre avvenuti a piccoli gruppi. Non si sa quanti siano attualmente i prigionieri, ed è presto per dire se il clamore mediatico abbia interrotto lo spregevole mercato. Il filmato di Channel 25 riporta – scritti nella lingua ge’ez usata dalla Chiesa cattolica eritrea – i nomi di alcuni prigionieri scritti sulle rocce, poco lontano dal luogo dove, di lì a poco, avrebbero trovato la morte più orribile. I nomi di questi cristiani uccisi come bestie sono Kibrom, Wedi Teyki, Almaz, Nazu, Yerus Wehatila, Feven, Ephrem, Eyob, Tsgum Dbarwa, Yonas. All’Occidente e alla sua coscienza addormentata nulla importa di loro, ma la diaspora eritrea li ricorda oggi con una fiaccolata in molte città.
Abbiamo visto dove sono finiti gli eritrei morti nel Sinai, partiamo ora a cercare i sopravvissuti nelle galere egiziane, da El Arish fino ad Aswan.
C. S. P. B. Crux Sancti Patris Benedecti. Croce del Santo Padre Benedetto. C. S. S. M. L. Crux Sacra Sit Mihi Lux. Croce sacra sii la mia Luce. N. D. S. M. D. Non draco sit mihi dux. Che il dragone non sia il mio duce. V. R. S. Vadre Retro satana. Allontanati satana! N. S. M. V. Non Suade Mihi Vana. Non mi persuaderai di cose vane. S. M. Q. L. Sunt Mala Quae Libas. Ciò che mi offri è cattivo. I.V. B. Ipsa Venena Bibas. Bevi tu stesso i tuoi veleni. DRINK YOUR POISON MABE BY, YOURSELF, BURN: ROTHSCHILD, 666 BUSH 322 KERRY! BURN, IN JESUS'S NAME!